Da Senza Pensieri la miscelazione è vista lago

Apelle, innovativo cocktail bar e bistrot di Ferrara fondato nel 2015 da Matteo Musacci e Claudio Belinello (Bargiornale presentò la formula nell'ormai lontano 2017) non si è arreso al Covid-19, ma anzi ha contrattaccato, sfidando l'emergenza sia in casa, sia in trasferta. In casa, lanciando un'originale drink list estiva che contempla, ad esempio, un Negroni a base di gin distillato sottovuoto a 51° costanti nella radice di rafano, e fuori casa inaugurando, lo scorso giugno, il Senza Pensieri, nientemeno che ad Arona (No) sulla sponda piemontese del Lago Maggiore.

  • “Altro…”

    Un bel coraggio, visti i tempi, ma anche una lucida determinazione dettata da un savoir faire gestionale affinato in cinque anni di attività nel locale madre ferrarese. Si tratta di uno "spirits bar", come ama definirsi, piccolissimo, 18 i mq di spazio a disposizione all’interno, che vanta però un ampio dehors affacciato sul lago di  60 mq. È aperto 7 giorni su 7, dal pre-lunch all’after dinner, e la gestione è stata affidata a Jacopo Zilli, classe 1990 e per tre anni secondo barman di Apelle.

    Una drink list d'autore

    Punto di forza di Senza Pensieri, oltre alla localizzazione, una drink list che si distingue per una selezione di 10 signature cocktail caratterizzati da un lavoro di ricerca non comune (il know-how è ovviamente quello di Apelle). Si va dal Zia Elisabetta, un Gin Tonic aromatizzato alla fava tonka, cardamomo nero e agrumi a un Bloody Mary preparato con sake, aceto di riso e olive taggiasche. Spiccano, tra gli altri, anche un Milano – Arona con Campari, vermouth bianco, drop di assenzio ed Earl Grey Tea, un Mai più Tai con Tequila, falernum e agrumi e uno Smoky Sour con bourbon, Galliano, radice di angelica e noce moscata. Completa la proposta del locale una carta di distillati, amari, liquori con una sezione dedicata a vini e bollicine (italiane e francesi), proposti anche alla mescita. A richiesta sono disponibili tutti i classici. I prezzi? I signature sono proposti a 10 euro, a 9 i classici. C.B.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome