Teniamo sempre l’asticella alta

L'editoriale del direttore Rossella De Stefano del numero di ottobre 2019 di Bargiornale lancia la fase finale di Barawards, il premio all'eccellenza dell'ospitalità italiana

Rossella De Stefano

L’Italia è finalmente sugli scudi. Le classifiche internazionali riconoscono e rendono merito al lavoro svolto dagli italiani (all’estero e in patria) e ai concorsi internazionali i nostri connazionali danno punti a competitor fino a ieri ben più quotati.
Merito di una bar industry estremamente vivace, di scuole di formazione serie, di eventi di portata nazionale e internazionale che hanno acceso i riflettori sul Bel Paese e sulle sue eccellenze. In ogni settore: dalla miscelazione alla caffetteria.

In tempi di euforia liquida non bisogna però lasciarsi prendere la mano: occorre continuare a lavorare in questa direzione (la strada da fare è ancora tanta) e tenere la barra a dritta.

Con questa finalità nasce Barawards, il premio promosso da Bargiornale in collaborazione con Dolcegiornale, Ristoranti e Webar e giunto quest’anno alla sua quinta edizione.

Un riconoscimento alle aziende, ai professionisti e ai locali - di città e di provincia, dal Nord al Sud dello Stivale - che continuano a innovare. Un premio che, anno dopo anno, si conferma la vera cartina al tornasole dello stato dell’arte dell’hospitality italiana.

Questo mese si aprono le votazioni on line. Il nostro panel di esperti ha decretato una rosadi trenta finalisti per categoria e ora tocca a voi, professionisti, esprimere le vostre preferenze (fino a un massimo di tre) e decretare i migliori.
Avete tempo fino al prossimo 31 ottobre per farlo.

I risultati li scopriremo insieme durante la serata di gala lunedì 2 dicembre a Milano presso gli IBM Studios, in piazza Gae Aulenti.

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome