Un impegno di tutti per rilanciare il fuori casa

L'editoriale del numero di settembre 2020 a firma del direttore Rossella De Stefano dedicato alle iniziative e alle strategie per la ripartenza

pensiamo al nostro futuro
Rossella De Stefano, direttrice di Bargiornale

Hanno riaperto quasi tutti, ma il business fatica a riprendere. La ripartenza è più veloce per i locali in provincia, e va meglio a chi è in montagna rispetto a chi è al mare. In difficoltà invece i locali delle principali città italiane, prosciugate di clienti per la contemporanea assenza dei lavoratori italiani (a casa in smart working) e dei turisti stranieri (non pervenuti, o pervenuti in minima parte). Dati alla mano, giugno ha chiuso a -25% rispetto allo scorso anno, luglio si è attestato attorno al -14% (fonte: Progettica). Come fare a uscire dal guado?

bargiornaleServono reattività e pragmatismo. Servono nuove idee per lo sviluppo futuro del settore dell’ospitalità made in Italy. È quanto faremo durante gli Horeca Work Forum promossi da Planet One in collaborazione con Bargiornale. Tre appuntamenti presso il Borgo Antichi Orti di Assisi (Pg), fitti di confronti, di scambi di esperienze e di laboratori in cui i professionisti del fuori casa si sono confrontati tra loro, con esperti ed esponenti delle istituzioni per individuare possibili exit strategy. Di più: a chi non si è arreso, a chi ha saputo reinventarsi, trovare soluzioni innovative per continuare a fare ospitalità di eccellenza è dedicato quest’anno il nostro premio Barawards. Le candidature sono aperte fino al 10 ottobre!

2 Commenti

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome