Ricominciamo dal banco

L'editoriale del direttore Rossella De Stefano del numero di gennaio 2021 di bargiornale. Un invito a guardare avanti, comunque

pensiamo al nostro futuro
Rossella De Stefano, direttrice di Bargiornale

22 Dpcm, 36 decreti legge, un numero imprecisato di ordinanze regionali e 160 giorni di chiusura è il bilancio della roulette di lockdown avviata lo scorso marzo e che, ahinoi, non accenna a smettere di girare. I bar e ristoranti chiuderanno con una perdita di fatturato del 37% su base annua rispetto al 2019, equivalenti a circa 27 miliardi di euro. È quanto stima l’azienda di consulenza globale Bain & Company sulla base di un’indagine condotta attraverso 2.000 interviste telefoniche. La ripresa dei contagi nel quarto trimestre, le conseguenti misure restrittive e le chiusure anticipate di bar e ristoranti hanno, infatti, portato a un nuovo e brusco calo del fatturato horeca, circa del 45% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Bargiornale
La copertina del numero di gennaio 2021 di bargiornale

Le grandi città hanno sofferto maggiormente, con diminuzioni più accentuate  a causa della contrazione significativa del turismo e dello smartworking. Ma in un contesto in cui la pandemia, nonostante le speranze legate al vaccino, è lungi dall’essere superata, guardando al futuro c’è un dato che aggiunge ulteriore preoccupazione. Per ogni mese in zona rossa, la contrazione di fatturato si stima essere stata di circa il 70% rispetto al 2019, mentre la zona gialla ha portato perdite del 40%. Nonostante la creatività ed anche la rapidità di risposta per esempio nel ricorrere al delivery o al take-away, le prospettive, dunque, non sembrano rosee. Non possiamo, tuttavia, mollare: “la digitalizzazione della filiera, la sostenibilità e, soprattutto, lo sviluppo di nuove tipologie di offerta al consumatore devono essere i pilastri intorno ai quali rilanciare il canale fuori casa”, si legge in una nota stampa della società di consulenza. Pilastri attorno ai quali continueremo a darvi nuovi spunti mese dopo mese.

 

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome