22 case history per raccontare l’Italia dell’asporto e del delivery

Quello che state leggendo è un numero speciale di WeBar dedicato alle numerosissime iniziative di asporto e di delivery attivate in questo periodo di emergenza pandemica dai locali della Penisola. Le 22 case history che abbiamo selezionato non sono le migliori e nemmeno le più performanti, ma sono la testimonianza concreta della “voglia di fare” e della creatività di imprenditori e gestori che, pur tra mille difficoltà e restrizioni, hanno saputo reagire e inventarsi nuove formule e modelli di business. Riuscendo, spesso, anche nell’impresa di consolidare la propria quota mercato, di mantenere l’occupazione e fidelizzare la propria clientela. Per facilità di lettura, abbiamo suddiviso le 22 case history in base alla loro collocazione geografica con l’indicazione della regione di appartenenza e della tipologia di locale. I locali citati sono stati suddivisi in quattro macro-categorie (bar - caffetterie, pasticcerie, cocktail bar e ristoranti) privilegiando, nella ripartizione, il business prevalente o quello maggiormente identitario. Abbiamo, infine, indicato attraverso dei simboli “animati” le principali caratteristiche delle attività complementari di asporto/delivery dei singoli locali. Simboli che trovate riprodotti in questa pagina (durante la navigazione basta evidenziarli per conoscere il loro significato) con la loro legenda. Buona lettura e auguri, WeBar vi dà appuntamento a gennaio 2021!

Utilizzo di piattaforme di food delivery

Cooperazione o sinergie tra locali

Utilizzo di pack sostenibili compostabili

Asporto o delivery di cocktail in bottiglia / lattina

Consegna da parte dello staff del locale

Attività di e-commerce

Bottega

Supporto da remoto per la realizzazione di ricette

Utilizzo di app / webapp

Prodotti destinati al canale b2b

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome