Amaro Montenegro è ancora Gold Metal all’International Wine & Spirits Competition

Amaro Montenegro

Storico bis per Amaro Montenegro. L’amaro italiano si è aggiudicato per la seconda volta consecutiva la Golden Metal nella categoria Bitters all’International Wine & Spirits Competition (Iwsc), una delle più prestigiose competizioni internazionali  dedicate al settore dei vini, degli spirit e dei liquori, che vede in gara prodotti provenienti da oltre 90 paesi di tutto il mondo.

Gara nella quale tutte le referenze sono sottoposte a un rigoroso processo di valutazione che si articola in due fasi: una doppia sessione di assaggi alla cieca, da parte di un panel di esperti riconosciuti a livello internazionale, e una dettagliata analisi chimica per garantire l’integrità e la coerenza del prodotto.

Un nuovo successo che rende ancora più ricca la messe di premi raccolta dall’Amaro in questi primi sette mesi dell’anno: la nuova Gold Metal dell’Iwsc si aggiunge infatti ai riconoscimenti quali Best in Show Liqueur, Best Herbal and Botanical Liqueur e la Double Gold medal conquistati alla San Francisco World Spirits Competition.

Successi che consolidano la reputazione di Amaro Montenegro come uno dei migliori prodotti al mondo nella sua categoria, grazie a quel sapore giocato sul contrasto dolce-amaro in grado di conquistare ogni palato. Sapore frutto di una formula messa a punto da Stanislao Cobianchi, il fondatore del marchio, nel 1885 e che prevede l’uso di 40 botaniche provenienti da tutto il mondo. Botaniche che vengono conservate integre in ambiente a temperatutara e umidità controllate fino a pochi istamti prima di essere lavorate con ben tre diversi metotodi di estrazione, bollitura, macerazione e distillazione, per estrarne le essenze e per arrivare a creare la miscela finale. Un processo oggi supervisionato dal maestro erborista della casa, Matteo Bonoli, che garantisce la qualità di ogni lotto, proprio come un tempo faceva Cobianchi.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome