Culatello, Passato o modernità?

È unanimamente riconosciuto come la “fuoriserie” della norcineria italiana, il prodotto più pregiato e il più alto di gamma. Una chicca a tiratura limitata, lavorata a mano e fatta stagionare a lungo all’aria tipica della Bassa parmense. Proprio la materia prima pregiata (per ottenere un culatello bisogna “smontare” una coscia di suino pesante, rinunciando così a destinarla a un prodotto già molto pregiato, come il prosciutto crudo), la lavorazione rigorosamente artigianale e i lunghi tempi di maturazione (almeno 14 mesi) ne spiegano il costo elevato(segue…)

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome