Michele Franciosi e Adrien Russotto trionfano alla Clairin World Championship

rhum

Grande successo per Michele Franciosi (a sinistra nella foto in alto) che ha conquistato la vittoria della Clairin World Championship, il cocktail contest dedicato ai rhum di Haiti. Il bartender del The Sign di Pozzuoli (Napoli) si è aggiudicato la finale internazionale a pari merito con Adrien Russotto (a destra nella foto in alto)del Henson’s Bar di Londra e campione del Regno Unito.






Come da tradizione, a fare da palcoscenico alla finalissima l’Hotel Florita di Jacmel ad Haiti, dove a lottare per il titolo insieme ai due vincitori c’erano gli altri campioni dei paesi in gara: Oliver Cush del Little Red Door di Parigi (Francia), Sarah Morrissey del Frenchette di New York (Usa), David Möller della Brasserie Godot di Stoccolma (Svezia), Christian Tang dell’ethO’s di Copenaghen (Danimarca), Domnik Scheu dello Spirits di Colonia (Germania) e Christian Linge del Shakerz di Pétion-Ville (Haiti), che giocava in casa.

Tema della gara tradurre in alchimie alcoliche lo spirito di Haiti, attraverso la creazione di cocktail originali a base dei rhum agricole dell’isola, Clairin Sajous, Clairin Vaval, Clairin Casimir e Clairin Le Rocher, importati e distribuiti in Italia da Velier. Prodotti frutto di lavorazioni artigianali caratterizzate dall’utilizzo di varietà di canna autoctone, coltivate su terreni nei quali dove non vengono utilizzati fertilizzanti chimici, il cui succo viene fatto fermentare spontaneamente (senza lieviti selezionati) e poi distillato con processi tradizionali e non filtrato. Rhum dei quali i finalisti hanno avuto modo di scoprire tutti i segreti nei cinque giorni di tour tra distillerie remote e piantagioni di canna da zucchero che ha preceduto la finale.

A centrare l’obiettivo, a parere della giuria internazionale composta tra gli altri dai nostri Dom Costa, per Velier, e Leonardo Leuci, Franciosi e Russotto con i loro rispettivi drink, Ocean’s Eleven e La marchande Arawack. Il primo a base di Clairin Vaval, Clairin Sajous, caramello salato di rapadou (zucchero haitiano) aromatizzato con spezie haitiane e ananas, succo di lime.

Il secondo a base di Clairin Vaval e Clairin Sajous, con succo di lime, sciroppo di acqua di cocco, albume e Pete Panno, ovvero un mix di spezie haitiano composto da pepe nero, anice stellato, cannella, zafferano haitiano, chiodo di garofano e cacao.

Alle loro spalle si è piazzato il francese Oliver Cush (al centro nella foto in alto).

Le ricette

Ocean’s Eleven di Michele Franciosi

rhum

Ingredienti:

40 ml Clairin Vaval, 30 ml Clairin Sajous, 25 ml di caramello salato di rapadou (zucchero di Haiti) aromatizzato con spezie haitiane e ananas, 30 ml succo di lime

Preparazione:

versare il caramello salato di rapadou* in una mug e poi il succo di lime e un blend dei due rhum. Mescolare e servire

* In un pentolino sul fuoco il rapadou con acqua (rapporto 1 a 2). Quando l’acqua comincia a evaporare aggiungere le spezie precedentemente tostate, un pizzico di sale e una noce di burro. Ottenuta la consistenza desiderata aggiungere l’ananas e lasciare raffreddare e poi filtrare.

Bicchiere:

mug

La marchande Arawack di Adrien Russotto

rhum

Ingredienti:
40ml Clairin Vaval, 10 ml Clairin Sajous, 20 ml lime juice, 15 ml sciroppo di acqua di cocco, albume d’uovo, 2 barspoon di Pete Panno (pepe nero, anice stellato, cannella, zafferano haitiano, chiodo di garofano, cacao

Tecnica:

Dry shake & shake

Bicchiere:

metà noce di cocco

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome