Torna Mediterranean Inspirations, il contest targato Gin Mare

Creare cocktail a base del gin prodotto con una selezione di botaniche del bacino del Mediterraneo. Si rinnova la sfida di Mediterranean Inspirations, il contest internazionale firmato Gin Mare, importato e distribuito in esclusiva in Italia da Compagnia dei Caraibi, del quale si sono aperte le iscrizioni della settima edizione.

Confermata la formula della gara che prevede per i bartender tre tipologie di cocktail da realizzare: Mediterranean Gin & Tonic, una personale rivisitazione dell’iconico long drink; Mare Nostrum Cocktail, un cocktail originale ispirato ai valori del brand; Gastrobartender Drink, la prova, introdotta a partire dallo scorso anno, che sfida i bartender a esaltare anche l’aspetto gastronomico del marchio e, quindi, a reinventarsi elaborando un cocktail basato su di un ingrediente simbolo, quest’anno rappresentato dal carciofo. Cocktail quest’ultimo che i concorrenti che raggiungeranno la finale internazionale a Ibiza dovranno poi abbinare a un piatto, che creeranno in collaborazione con un chef di foodpairing.com.

Per partecipare al concorso occorre iscriversi sul sito dedicato, www.mediterraneaninspirations.com (dove è disponibile il regolamento completo della gara) entro il 12 giugno, inserendo i dati personali e le ricette dei tre drink. Possono partecipare barman e barlady che abbiano compiuto 21 anni, che lavorino in un locale che sia in funzione e con una buona conoscenza della lingua inglese.

Nelle loro creazioni i bartender devono seguire alcune precise regole. Le ricette devono contenere almeno 40 ml di Gin Mare, che deve essere la base del cocktail e riconoscibile nel risultato finale. Per la preparazione del Mediterranean Gin & Tonic la sola tonica da utilizzare è la 1724 Tonic Water. Il Mare Nostrum Cocktail deve contenere un minimo di 2 e un massimo di 4 ingredienti alcolici, per un totale di massimo 6 ingredienti. È consentito l’impiego di bibite gassate e non gassate, di frutta, verdura, dolci o caramelle, erbe e fiori, così come di ingredienti home made, purché facilmente riproducibili anche in locali non specializzati in cocktaileria di alto livello.

Le creazioni saranno valutate da una commissione di esperti, che assegnerà un punteggio per ogni tipologia di drink, valutandoli sulla base di criteri che comprendono gusto, equilibrio, aroma, aspetto, eleganza e metodologia di realizzazione, ovvero velocità, precisione pulizia e capacità di comunicare del concorrente.

Gli 8 bartender che avranno totalizzato il punteggio più alto prenderanno parte alla finale nazionale, che si svolgerà il prossimo 26 giugno in una location ancora da definire, dove avranno 5 minuti di tempo per preparare ognuna delle ricette (2 preparazioni identiche per tipologia) complete di decorazione.

Il vincitore della gara staccherà il biglietto per la finale mondiale, in programma a Villa Mare a Ibiza, dal 3 al 6 settembre, dove si confronterà con i campioni di Spagna, Portogallo, Regno Unito, Germania, Stati Uniti, Cina e Scandinavia, proponendo il Gastrobartender Drink abbinato al piatto e uno delle altre due creazioni (scelta che gli sarà comunicata dall’organizzazione).

Il vincitore si aggiudicherà un corso gastronomico presso la famosa scuola di ospitalità Le Cordon Bleu, fondata a Parigi nel 1895, mentre tutti i finalisti, durate il soggiorno a Ibiza, prenderanno parte a esperienze formative in diversi workshop.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here