Birre invernali protagoniste dei brindisi

Warsteiner Premium Verum, Wasteiner Winter, Warsteiner Herb.

Da Warsteiner a Forst e alle microbirrerie, sono sempre più numerose le aziende brassicole che propongono confezioni adatte per celebrare le festività di fine e inizio anno. Grazie al grado alcolico più elevato e alla frequente speziatura, si abbinano a saporiti snack, aperitivi, piatti corposi e dolci tipici come i panettoni.

 

L’estate è sicuramente la stagione più indicata per i consumi birrari, grazie alle sue caratteristiche rinfrescanti. A fine (e inizio) anno si sprecano invece le occasioni per socializzare e organizzare brindisi a base di birre speciali, in alternativa a vini spumanti come Champagne, Prosecco e Franciacorta. D’ispirazione belga, le birre invernali (winterbrau o di Natale) si contraddistinguono per una più elevata gradazione alcolica e per particolari speziature (coriandolo, liquerizia, vaniglia, eccetera), caratteristiche che le rendono indicate per l’abbinamento con piatti saporiti a base di salumi e carni cotte o dolci tipici, dai panettoni ai torroni. Oltre che in bottiglia da 33 cl, sono spesso disponibili anche in fusto e bottiglie grandi da 75 cl, spesso con tappo a fungo, particolarmente adatte a soddisfare tavolate numerose. Una riprova arriva dalla principale manifestazione italiana dedicata al settore come Christmas Beer Festival (2° edizione, 4-6 dicembre) a Imbersago (Lecco) con una cinquantina di proposte tra spina (23) e bottiglie (birradinatale.it). Di seguito pubblichiamo una veloce panoramica delle specialità presenti sul mercato che più si adattano alle esigenze di un esercizio pubblico.

 

Deus Brut des Flandres. Incominciamo con citare l’iniziativa di un nuovo e vivace locale milanese come lo Sloan Square (piazzale Cadorna 2) dove, in concomitanza con la festività di Sant’Ambrogio del 7 dicembre (e la relativa fiera degli Obei Obei), come aperitivo è stato lanciato il cocktail Obei sDritz, versione birraia dello Spritz: due parti Aperol, tre parti birra bionda Deus (al posto del Prosecco), una parte soda, ghiaccio e fetta d’arancia. Prodotta dalla belga Brouwerij Boostels con il Metodo Classico di spumantizzazione, la doppio malto Deus Brut des Flandres ha colore biondo dorato, corpo morbido dall’aroma floreale (11,5° alc) affinata per oltre 15 mesi in fredde cantine rocciose, disponibile in bottiglia 75 cl tipo Champagne (interbrau.it). Da accompagnare a snack come onion rings, french fries, crostini con riccioli di burro e acciughe del Cantabrico.

 

Warsteiner. Accompagnata dall’innovativa campagna pubblicitaria “Do It Right” (qualunque cosa tu stia per fare, falla al meglio) con al centro storie di persone “normali” e riservata ai social network Facebook e YouTube, Warsteiner ha presentato tre nuove specialità. Warsteiner Winter è una birra ambrata dal gusto pieno e maltato (5,6° alc) disponibile per ora solo in fusti da 20 litri (in seguito anche in bottiglia 33 cl), accompagnata dall’iconico bicchiere Tulpe con decori natalizi. Warsteiner Herb invece è una pilsner doppio luppolo (4,8° alc) caratterizzata da un intenso aroma e gusto persistente, disponibile inizialmente in fusto da 20 e 30 litri. Prodotta dalla “consorella” König Ludwig Schlossbrauerei Kaltenberg, Oberbräu 1605 è una birra doppio malto rossa (6,5° alc) dal corpo pieno, aroma intenso e fruttato, con spiccate note di malto e caramello, disponibile in fusto 20 litri. In occasione della loro presentazione alla Pizzeria con Cucina Eatery di Milano, sono state così abbinate: aperitivo con frittini e focaccine servite con Wasteiner Premium Verum; risotto alla birra d’inverno, radicchio e salsiccia al coltello, servito e cucinato con Wasteiner Winter; tagliata di manzo con verdure servita con Oberbräu 1605; Birramisù servito e preparato con Köning Ludwig Dunkel (warsteiner.it). Nella foto di apertura: tris di bottiglie con la classica pilsner Warsteiner Premium Verum, Warsteiner Winter e Warsteiner Herb.

 

Forst. Come ogni anno, Birra Forst realizza la limited edition Birra Speciale di Natale in una elegante bottiglia di ceramica da 2 litri, dai decori diversi, a forma di sifone con tappo meccanico. Quest’anno è stata scelta una bottiglia, sempre da due litri, ma in vetro con decorazioni in rilievo che rappresentano lo stabilimento di Lagundo (alle porte di Bolzano) sotto una nevicata. Di colore dorato, dal gusto luppolato, caramellato e di frutta secca (5,2° alc), è disponibile in fusti 15 e 30 litri, oltre che nel pratico fustino Forsty (con la piccola volpe portafortuna) da 12,5 litri. Solo per l’Alto Adige, è disponibile anche in bottiglia 33 cl. Viene distribuita anche nelle Birrerie Ristoranti Spiller (nord Italia) e nel villaggio Foresta Natalizia di Birra Forst. In occasione della presentazione presso il Bräustüberl Forst, è stata servita con orzotto alla zucca e pralina di camembert caprino; consommé di Birra Speciale di Natale con spuma di Birra Speciale di Natale; stinco di vitello arrosto con canederlo di rape rosse alla Forst; palla di neve al panpepato su specchio di cachi (forst.it).

 

Menabrea. Come per gli anni scorsi, Menabrea ha riproposto la Birra di Natale limited edition in bottiglia 2 litri con tappo meccanico, una rossa speciale dalle note amarevoli (5,2° alc) dedicata quest’anno alle storiche figurine da collezione Liebig (Gruppo Colussi). Prodotto solo in 3500 esemplari, la bottiglia in vetro scuro da 2 litri è confezionata in un astuccio raffigurante alcune figurine Liebig. Inoltre è disponibile la consueta confezione natalizia Christmas Beer contenente 4 bottiglie 66 cl e 2 calici serigrafati a colori (birra anche in fusto da 15 litri). Prodotta a Biella, in Piemonte, Birra Menabrea fa parte del gruppo Forst (birramenabrea.com).

 

Theresianer. Si rinnova anche quest’anno la proposta Winter Beer Theresianer, birra ambrata ad alta fermentazione, dal sapore lievemente speziato con note di frutta secca tostata (9° alc), in bottiglia “spumante” 75 cl con tappo fungo. Nuova la grafica dell’etichetta caratterizzata da un blu intenso che riporta l’inconfondibile faro di Trieste dove il marchio è nato nel 1766, mentre oggi è prodotta a Nervesa della Battaglia (Treviso) dal gruppo di Martino Zanetti. La proposta “natalizia” si completa con un insolito Bierbrand, distillato ottenuto da una versione speciale di birra Theresianer, dal gusto ricco e morbido (41° alc), in bottiglia 50 cl.

 

Interbrau. Come ogni anno, Interbrau propone una decina di birre invernali nell’apposito catalogo Winterbrau. Novità assoluta quest’anno è l’italiana Birra Antoniana Eremitani Strong Ale, medaglia d’oro ai World Beer Awards 2015, colore rosso ramato (6,3° alc) caratterizzata da un piacevole sentore di mandorla, disponibile in bottiglia 33 e 75 cl, fusto 20 litri. Dalla Germania arrivano: Aventinus Eisbock, colore scuro (12° alc) disponibile in bottiglia 33 cl e fusto 20 litri; Ettal Curator, birra scura prodotta dai monaci benedettini dal 1609, dalle note di noci e pere caramellate (9° alc), disponibile in bottiglia 33 cl. Le specialità doppio malto provenienti dal Belgio sono rappresentate da Bush de Noël della Brasserie Dubuisson, birra ambrata scura dalle note speziate di pepe e coriandolo (12° alc), disponibile in bottiglia 75 cl e fusto 20 litri; N’Ice Chouffe della Brasserie d’Achouffe, birra scura (10° alc) disponibile in bottiglia 33 e 75 cl che recano in etichetta i simpatici e inconfondibili folletti dal cappello rosso a punta e barbetta bianca; St. Bernardus Christmas Ale, birra di abbazia di colore rosso, dalle note di frutta secca e bacche rosse (10° alc), disponibile in bottiglia 75 cl e fusto 20 litri; Abbaye des Rocs Noël, birra scura caratterizzata da note di liquirizia e caramello (10° alc), disponibile in bottiglia 75 cl; Bons Voeux della Brasserie Dupont, di colore dorato e dalle note di ananas e pera (9,5° alc) disponibile in bottiglia 75 cl. Da segnalare infine due insolite specialità. Sempre dal Belgio c’è Liefmans Glühkriek, birra rossa (6,5° alc) da servire brulé, dopo averla riscaldata a 70 °C in un pentolino per esaltare le note di spezie e ciliegia, disponibile nella caratteristica bottiglia 75 cl avvolta nell’incarto verde bosco. Dalla Scozia arriva Tennent’s Authentic Export Whisky Oak, di colore oro intenso (6° alc), invecchiata in botti di quercia, dalle note maltate e vanigliate (interbrau.it/winterbrau).

 

Hibu. Proposta da Hibu Craft Brewery di Burago Molgora (Monza-Brianza), I Hop(e) is Noël è da abbinare a un’insolita Colomba di Natale (in segno di pace) ma dal classico impasto di panettone aromatizzata alla stessa birra (birrificiohibu.it). “Disegnata” dal mastro birrario Raimondo Cetani, è un’ambrata ad alta fermentazione d’ispirazione belga, una strong amber ale molto strutturata (9,6° alc) per la quale sono impiegati nove luppoli diversi (europei ed extra) e due fermentazioni. Da segnalare l’etichetta ironica e divertente disegnata da Giuseppe Ferrario, che riporta un Babbo Natale sdraiato, presumibilmente ubriaco, vegliato da una renna imbarazzata. Fa parte di una gamma di 16 specialità suddivise tra perenni (sempre in catalogo) e stagionali (invernali ed estive).

 

Radeberger. Del portafoglio prodotti Radeberger fa parte il marchio spagnolo Damm con il quale quest’anno è stata presentata Cerveza de Navidad Selecciòn del Maestro Cervecero 2015, una lager riserva speciale di colore dorato a bassa fermentazione (6,5° alc), caratterizzata da una lunga maturazione e da note di lieviti ed erbe aromatiche, proposta in bottiglia da 66 cl (radeberger.it).

 

Microbirrerie. Sono 883 gli impianti artigianali che producono birra in Italia, ognuno dei quali ha in portafoglio diverse specialità doppio malto adatte all’inverno. Ci limitiamo quindi a segnalarne una rapida selezione fornita da BeerAttraction, salone delle specialità birrarie e delle birre artigianali, la cui seconda edizione che si terrà dal 20 al 23 febbraio a Rimini Fiera (beerattraction.com) in collaborazione con Unionbirrai. Cominciamo con Noël Café del Birrificio Baladin di Piozzo (Cuneo), birra ad alta fermentazione, rifermentata in bottiglia e non pastorizzata (9° alc). Di colore scuro, è ricavata aggiungendo un mix di caffè di montagna “Terre Alte” (presidio Slow Food) di Honduras e Guatemala, tostata a legna in Italia nella Casa Circondariale di Torino, tanto per completare un percorso di solidarietà e sostenibilità. Disponibile in bottiglie 75 e 150 cl. Inoltre il maestro Teo Musso ha presentato la novità Metodo Classico Riserva 2014, birra doppio malto dorata (10° alc) realizzata in collaborazione con gli enologi delle cantine Fontanafredda che curano il vino spumantizzato Alta Langa. La bottiglia 75 cl è simile a quella di importanti ed eleganti spumanti con tappo fungo in gabbietta metallica. L’aggiunta di fave di cacao brasiliano caratterizza Little Bells del Birrificio Doppio Malto di Erba (Como), di colore ambrato (7° alc) in bottiglia 75 cl. Per la sua specialità di Natale battezzata Krampus, il Birrificio del Ducato di Busseto (Parma) si rifà a un’antica leggenda ladina di demoni che terrorizzavano alcuni paesi alpini, prima che fossero liberati dall’intervento di San Nicola (antesignano della figura di Babbo Natale). Di colore ambrato intenso, con note di frutta candita (9° alc), è disponibile in bottiglia 75 cl e fusto 20 litri. Continua nella tradizione dei nomi marinareschi il birrificio artigianale P3 Brewing Company di Sassari con 100 Nodi (che indica anche il grado di amaro), Imperial Ipa piuttosto alcolica (8° alc) caratterizzata da sei luppoli e tre malti, note agrumate e floreali. Tra le ultime novità, da segnalare inoltre Collesi Magia 2015, birra ad alta fermentazione, rifermenta in bottiglia, di colore biondo e dagli aromi di fiori bianchi (10° alc). Prodotta da Fabbrica della Birra-Tenute Collesi di Apecchio (Pesaro-Urbino), è distribuita dalla D&C di Zola Predosa (Bologna) nell’inconfondibile bottiglia scura 75 cl con etichetta e collarino fucsia. Infine citiamo la birra artigianale a bassa fermentazione Pyraser Weihnachtsfestbier prodotta nel cuore della Franconia, ricavata da una miscela di malto chiaro e malto tostato (6,1° alc). Di colore chiaro, gusto corposo dalle accentuate note di malto e luppolo, è distribuita in bottiglia 50 cl (sangeminiano.it).

 

Birra&Panettone. Grazie a Panettone Days, concorso ideato da Carlo Meo e promosso da Braims, oltre 500 pasticceri italiani hanno reinterpretato la storica ricetta del dolce natalizio milanese alla ricerca di una sua destagionalizzazione (panettone-day.it). Molte sono state le proposte aromatizzate alla birra come quella dell’Antica Pasticceria Muzzi di Foligno (Perugia) alla Bluff Rattabrew Belgian Golden Strong Ale (pasticceriamuzzi.com) e due alla Birra Antoniana (interbrau.it). Da non dimenticare infine uno dei primi dolci natalizi alla birra, il Panettone alla HY Cuvée, birra ramata ricavata da malto d’orzo 100% lavorato con Metodo Classico dalla Zago di Prata di Pordenone (zago.it).

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome