Nei bar di Bergamo menu in simboli per un servizio senza barriere

Far cadere un’altra barriera che impedisce alle persone con difficoltà cognitive di fruire del servizio bar in autonomia. È l’obiettivo di Al bar scelgo io!, un’iniziativa lanciata nei bar di Bergamo e che mira a rendere più semplice l’ordinazione nel locale per chi è affetto da disabilità, ma anche per i clienti più piccoli o per chi non conosce la lingua, attraverso l’uso di tovagliette dove menu e le richieste principali sono riportate in simboli.

Promossa dal Gruppo Bar e Caffetterie Ascom Confcommercio Bergamo, con la collaborazione di Associazione Angelman Onlus e il patrocinio di Armr, Fondazione aiuti per la ricerca sulle malattie rare onlus, la campagna ha preso il via in concomitanza con giornata mondiale dell’autismo, lo scorso 2 aprile, e ha finora convolto 23 locali della città e della provincia.

In pratica, nella tovaglietta è riportato un piccolo menu attraverso illustrazioni semplici e colorate, che rendono lo comprensibile ai bambini in età prescolare e a tutti coloro che hanno una difficoltà comunicativa, per disabilità o mancanza di conoscenza della lingua. A questo si aggiungono alcune richieste e valutazioni, come “basta”, “ancora”, “mi piace”, “non mi piace”, “aiutami”, “bagno”, “per piacere”, “grazie”.

I simboli utilizzati sono mutuati dalla Comunicazione aumentativa alternativa (Caa), un approccio che sostiene la comprensione linguistica e la comunicazione, nato per bambini e ragazzi affetti da autismo e disabilità complesse.

Una soluzione, al tempo stesso, semplice e geniale che rende la pausa al bar un momento di inclusione e di relax per i più piccoli e per chi ha disabilità, permettendo loro di fare l’ordinazione in autonomia.

L’iniziativa è stata apprezzata da Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) che auspica che l’esempio di Bergamo possa essere replicato anche in altre città.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome