The Next Style of Mixing, i finalisti italiani di Disaronno

Quindici bartender italiani e le loro creazioni si contenderanno un posto, anzi cinque, nella The Mixing Star Guide, pubblicazione a cura di Simon Difford - autorità internazionale nelle guide di cocktail - che uscirà sotto Natale. Sarò lo stesso Difford che selezionerà cinque ricette per ogni paese partecipante (oltre all’Italia, Australia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Regno Unito, Stati uniti) per pubblicarle insieme ai volti dei loro autori.

Cinque anche gli stili di miscelazione sui quali “giocheranno” i miscelatori: classic, batched, molecular, tiki e fun. I quindici professionisti italiani che, entro l’8 luglio, dovranno inviare la loro ricetta ad Alessandro Avilla, ambassador italiano di Disaronno e bar manager del Sushi B di Milano, sono: Luca Ardito, Alessandro Pitanti, Gabriele Zambelli, Matteo De Palma, Lorenzo Forzoni, Michel Orlando, Robert Pavel, Matteo Poggini, Andrea Marenda, Sacha Mecocci, Riccardo Bruno, Roberto Tranchida, Gianluca Di Giorgio, Massimo Brugaletta, Gianluca Stella. Sono stati selezionati al termine di un evento itinerante che ha toccato Milano, Firenze e Ragusa. La manifestazione è The Next Style of Mixing, non più una classica competizione come fu The Mixing Star, ma un progetto che mira a promuovere il talento di bartender emergenti e già affermati e incoraggiare la creazione di nuove preparazioni che contengano Disaronno e che siano in grado di diventare classici contemporanei. Nella pratica un progetto più coinvolgente, che vuole che tutti i partecipanti abbiano la certezza di essersi aggiudicati qualcosa, in un percorso con diversi step, con masterclass sugli stili di miscelazione e prove.

I seminari sono stati coordinati da Avilla, in duetto con Stefano Nincevich di Bargiornale, e ospiti di eccezione come Luca Picchi (al Combo Social Club di Firenze) e Mattia Cilia (al Mixology’s Living Room di Ragusa), allo scopo di approfondire i cinque stili di miscelazione descritti all’inizio. Al termine, i partecipanti hanno partecipato a una prova pratica con una mystery box: tre minuti di tempo per ideare un cocktail originale utilizzando Disaronno e gli ingredienti a sorpresa, e 5 minuti per realizzarlo. I punteggi più alti in Sicilia, seguita da Firenze e ultima Milano. Ma ora, per tutti, è tempo di rimettersi in gioco.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome