Come aprire una rivendita di tabacchi

A seguito del ricevimento di richieste di informazioni sulla vendita dei tabacchi, evidenziamo i criteri che disciplinano la materia

L'attività di vendita dei generi di monopolio sul territorio nazionale può essere effettuata attraverso:

1. rivendita ordinaria: questa tipologia rientra la normale tabaccheria, accessibile al pubblico, che espone il numero della concessione sull'apposita insegna a "T" ;

2. rivendita speciale: in questa categoria rientrano quelle ubicate presso particolari strutture quali porti, aereoporti, stazioni ferroviare, aree di servizio automobilistiche, caserme, istituti penali, etc.;

3. patentini: vengono istituiti nei Bar di rilevante frequentazione, dotati di sala da intrattenimento per il pubblico, i cui titolari si riforniscono presso la rivendita ordinaria più vicina ;

4. distributori automatici: vengono installati a cura del rivenditore nelle immediate vicinanze del locale sede della rivendita.

La normativa prevede che:

1) per ottenere una rivendita dei generi di monopolio occorre presentare domanda redatta in carta semplice all'ispettorato compartimentale di AAMS competente per territorio entro il primo trimestre di ogni anno;

2) per ottenere l'apertura di rivendite speciali ed i patentini occorre presentare la domanda su carta da bollo di Euro 10,33 da presentarsi dal 1° gennaio al 31 marzo, con un'istruttoria che si protrarrà per 320 gg.

Nella domanda devono essere indicate le generalità del richiedente (nome, cognome e recapito personale), l'individuazione del locale da destinare a rivendita, specificandone l'esatta ubicazione.

Nella domanda, inoltre, deve essere anche indicata l'ubicazione delle tre tabaccherie più vicine, precisandone il numero identificativo e il Comune di ubicazione delle stesse.

A seguito della presentazione della domanda, l'Ispettorato compartimentale, qualora lo ritenga opportuno, procede al rilascio della licenza, provvedendo all'assegnazione della nuova tabaccheria secondo i seguenti criteri:

1) nei Comuni con più di 30.000 abitanti o nei capoluoghi di provincia, mediante un'asta pubblica;

2) nei Comuni con popolazione non superiore ai 30.000 abitanti, tramite un concorso riservato a particolari categorie di persone (profughi già intestatari di analoga licenza nei territori di provenienza; invalidi di guerra, vedove di guerra ecc.). In caso di parità di titoli, sarà preferito chi ha il maggior numero di familiari a carico.

I relativi avvisi sono resi pubblici mediante affissione presso l'albo dell'Ispettorato compartimentale e quello del Comune dove viene aperta la tabaccheria.

E' ancora necessario rilevare che per l'apertura di una rivendita occorre il rispetto:

1) del criterio della distanza dalla più vicina rivendita (calcolata seguendo il percorso pedonale più breve) che:

a) nei Comuni con popolazione deve essere superiore a 100.000 abitanti, non inferiore a m. 200;

b) nei Comuni con popolazione da oltre 30.000 fino a 100.000 abitanti, non deve essere inferiore a m. 250;

c) nei Comuni con popolazione da oltre 10.000 fino a 30.000 abitanti, non deve essere inferiore a m. 300;

d) nei Comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti, non deve essere inferiore a m. 200.

(In ogni caso deve essere osservato anche il rapporto proporzionale fra la popolazione residente ed il numero delle rivendite).

2) del criterio della produttività:

per produttività si intende la potenzialità economica della nuova rivendita, calcolata dall'Ispettorato compartimentale sulla base delle vendite realizzate nell'anno precedente la richiesta dalle tre rivendite più vicine.








CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome