Ilaria Bello è la nuova Lady Drink 2016. È stata eletta nel corso dell’omonimo evento organizzato da Danilo Bellucci all’Excelsior Palace Hotel di Rapallo. Entra così a far parte dell’Albo d’Oro che dal 1996 seleziona le migliori barmaid italiane.

Sembra ieri che sia chiusa la prima edizione di Lady Drink, tenuta nel 1996 a Perugia per Eurochocolate e che ha visto l’affermazione della triestina Annalia Fontanini. Tempi duri allora per le ragazze che si cimentavano nella miscelazione, ancora guardate con una certa sufficienza da molti colleghi maschi e con divertita curiosità da tanti clienti. Ma l’ostinazione di un affiatato gruppo di giovani barmaid ha avuto la meglio, prima guadagnandosi l’ingresso ufficiale in Aibes (Associazione barman e sostenitori) poi riuscendo spesso a prevalere in concorsi e luoghi di lavoro, anche di grande importanza. Tra i principali responsabili di questa crescita dobbiamo annoverare Danilo Bellucci, promoter di grande capacità e lungimiranza che ha fondato e sostenuto l’organizzazione del concorso Lady Drink in questi ultimi ventanni.

L’ultima edizione di Lady Drink, svoltasi nei saloni del prestigioso Excelsior Hotel Palace di Rapallo (Genova) lunedì 17 ottobre 2016, è stata quindi l’occasione di rivedere tante volti noti di barman e barmaid accorsi per festeggiare insieme a Danilo Bellucci e ai suoi collaboratori, come Michele Di Carlo e Gianni Merenda, questa bellissima avventura diventata una solida realtà, che sarà a breve proiettata anche in campo internazionale.

Quest’anno Lady Drink è stata organizzata in due categorie: Family e Open. Per la categoria Family le concorrenti dovevano inviare una ricetta che prevedesse l’impiego di almeno un prodotto Jack Daniel’s Tennessee Whiskey (main sponsor dell’evento, distribuito da Campari). Per Open invece la scelta era completamente libera, sia per i prodotti impiegati sia per la tipologia di drink.

Tra tutte le proposte inviate sono state scelte una cinquantina di proposte. Così sul palco dell’evento si sono alternate batterie di tre barmaid impegnate nella competizione a tre momenti informativi: Master Jack Daniel’s tenuto dal brand manager Daniele Uttini e dal barman Stefano Righetti; Master In The Mix tenuto da Ermanno Pavan; Master Bonaventura Maschio tenuto dal marketing manager Andrea Maschio.

Il Master Jack Daniel’s è stato centrato sulle indubbie capacità mixability del famoso Tennessee Whiskey americano (barcampari.it), presentando celebri mix come Tennessee Sour (6 cl Jack Daniel’s, 3 cl succo limone, 1,5 cl sciroppo zucchero, gocce Angostura Bitters) e o Lynchburg Lemonade (4,5 cl Jack Daniel’s, 3 cl triple sec, 3 cl succo limone, top lemonade o Sprite).

L’intervento In The Mix di Giorgio ed Ermanno Pavan ha riguardato le possibilità offerte dal nuovissimo prodotto Shake and Shine, nelle versioni Rosso e Blu, per completare con alcune gocce vari cocktail con una sospensione di glitter commestibile (shake-n-shine.com). Inoltre è stata presentata la gamma che riprende il nome In The Mix in una spettacolare bottiglia in polipropilene dorato che contiene ciascuna diversi sciroppi alla frutta che, al posto dello zucchero, contengono fibre vegetali per non alterare il sapore dei cocktail. Entrambi i prodotti sono proposti dalla Bevan di Milano (bevan.it).

Nipote del celebre distillatore di Gaiarine (Treviso), Andrea Maschio ha presentato varie novità come The Barmaster Gin (messo a punto insieme a Michele Di Carlo) ideale per la miscelazione con il classico gusto pungente e finale agrumato; Gin Puro The One (53,3° alc) insieme con quattro aromatizzazioni in flaconi spray (Waiting for the sun - agrumato, Baby don’t cry - speziato al pepe e noce moscata, Spring is on the air - floreale, Japanese Dream - floreale); Gentlemate The Dandy Brandy, brandy invecchiato, anche nella versione sbiancata con carbone vegetale (primeuve.com).

La giuria del concorso era composta dalla barmaid italiana Laura Marnich (lavora al Zuma Lounge Bar e Japanese Restaurant di Dubai), dalla barlady russa Elizaveta Evdokimova e da quella svedese Helena Tiare Olsen. La giuria tecnica è stata affidata al barmanager Francesco Cione (Octavius Bar The Stage di Milano), il backstage ai bartender Alessandro Melis e Gianluca Brizzolesi. La presentazione della manifestazione è stata vivacizzata dalla verve di Gianni Merenda (società YouEvents).

Per la categoria Family si è imposta Micaela Contini (Bar Ristorante Rocce di Pinamare, Andora-Sv), davanti a Patrizia Bevilacqua (Clotilde Bistrot, Milano) e Cinzia Ferro (Estremadura Café, Verbania). Per la categoria Open il primo posto è stato ricoperto da Ilaria Bello (Bar Rist. Talea, Torvaianica-Roma), seguita da Carola Abrate (La Drogheria, Torino) e Emanuela Ernandes (Spirito Club, Roma).

Ma l’evento non è terminato qui. Per poter accedere al titolo di Lady Drink 2016 le vincitrici delle due categorie hanno disputato una combattutissima finalissima. Ilaria Bello ha conservato la sua ricetta, mentre Micaela Contini ha avuto il coraggio di improvvisare e di presentarne un’altra.

La scelta della giuria ha così decretato (per pochi punti di differenza) la vittoria finale di Ilaria Bello che così entra nell’Albo d’Oro di Lady Drink. Alle vincitrici sono stati consegnati vari premi offerti dai numerosi sponsor. In particolare Ilaria Bello ha ricevuto: la grande Targa Jack Daniel’s Tennessee Whiskey Lady Drink 2016, l’elegante Calice Campari e il celebre Vaso Amarena Fabbri 1905.

L’evento si è concluso con un grande Gala Dinner offerto da Martini & Rossi, curato dal general manager Aldo Werdin insieme con l’executive chef Pasquale Giordano: Gran Buffet di antipasti di terra e mare, Trofie al pesto con patate e fagiolini; Risotto alla zucca e rosmarino; Buffet del Maestro Pasticcere; vini Mottura, acqua Fonte dei Medici.

Il cocktail vinvitore di Ilaria Bello.
Il cocktail vinvitore di Ilaria Bello.

La ricetta vincente
L’American è Don Raffaè (omaggio a De André)
di Ilaria Bello - Bar Rist. Talea (Torvaianica, Roma)
Ingredienti
2 cl Campari
2 cl Vermouth di Torino Riserva Carlo Alberto Rosso
1 cl ChinaMartini
1,5 cl Tequila Patròn XO Café
0,5 cl Bittermens Xocolatl Mole Bitters
Preparazione
Tecnica shake & strain on the rocks, versare in calici raffreddati.

 

Il cocktail di Micaela Contini, 2° classificato.
Il cocktail di Micaela Contini, 2° classificato.

 

2.a classificata
Panzon
di Micaela Contini - Bar Rist. Rocce di Pinamare (Andora, Sv)
Ingredienti
5 cl Tequila Corralejo Añejo
2 cl Vermouth di Torino Riserva Carlo Alberto rosso
2 cl Sciroppo Nocciola Mixybar Fabbri 1905
gocce Chocolate Bitters
Preparazione
Versare gli ingredienti nello shaker, versare in old fashion su ghiaccio, decorare con zest di pompelmo rosa e physalis (alchechengi).

Gli sponsor dell’edizione 2016
Consorzio Asti Docg
Distilleria Bonaventura Maschio
F.lli Branca
Brown-Forman/Jack Daniel’s Tennessee Whiskey
Campari
Compagnia dei Caraibi
Fabbri 1905
Ghiaccio Express
Martini & Rossi
OnestiGroup
RG Commerciale (bar tools)
Ricola
Rinaldi
Liquore Strega
In The Mix
Pasabahçe (bicchieri)
Coca-Cola
Tassoni - Cedral
Volare - Rossi d’Asiago
Distilleria Bortolo Nardini
Oster (frullatori)
Caffè Almetti

 Le precedenti edizioni di Lady Drink
1996 Perugia Eurochocolate
1997 Salsomaggiore Grand Hotel Milan
1998 Cervia Grand Hotel
1999 Pesaro Hotel Flaminio
2000 Bibione Savoy Beach Hotel
2001 Bibione Savoy Beach Hotel
2003 Bibione Savoy Beach Hotel
2004 Roma Mövenpick Hotel Central Park
2005 Milano Enterpise Hotel
2006 Rapallo Excelsior Palace Hotel
2007 Milano Enterprise Hotel
2008 Milano Enterprise Hotel
2009 Genova Grand Hotel Savoia
2010 Lido di Camaiore Una Hotel
2011 Bibione Savoy Beach Hotel
2012 Riccione Hotel Corallo
2013 Milano SuperStudio
2014 Milano Enterprise Hotel
2015 Trezzo d’Adda (Mi) Hotel Villa Appiani

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here