Oli esausti, smaltirli è facile e fa bene all’ambiente

Tutte le aziende alimentari hanno l’obbligo di raccogliere gli oli esausti in appositi contenitori e di conferirli ai consorzi autorizzati o ai soggetti incaricati dai consorzi stessi, altrimenti si può incorrere in sanzioni da 260 a 1.550 euro. (D.Lgs 152/2006 - art. 256, comma 7).

Quando si parla di “oli esausti” ci si riferisce normalmente agli oli d’oliva o di semi utilizzati per la frittura. Gli oli sottoposti a trattamenti termici subiscono una serie di trasformazioni che ne modificano le caratteristiche chimiche, ed è risaputo che questo materiale necessita di uno smaltimento ad hoc. Sotto l’etichetta di “oli esausti”, tuttavia, rientrano anche i grassi animali (burro e strutto), i fondi di cottura e gli oli di governo di conserve e semi-conserve.

Tutti questi oli e grassi derivanti dall’attività alimentare andrebbero raccolti negli appositi bidoni. Tuttavia la maggioranza dell’olio raccolto e smaltito in modo corretto proviene dalle friggitrici: il resto finisce negli scarichi. Eppure la corretta gestione di questi scarti non è per niente complessa: oltre a tutelarsi contro possibili sanzioni, si fornisce un contributo all’ambiente, evitando l’inquinamento e fornendo materia prima per le energie rinnovabili.

Le regole in sintesi

Contratto di ritiro garantito
Stipulare un accordo di ritiro con soggetti autorizzati al trasporto e collegati a uno dei consorzi esistenti. Molte società effettuano il servizio gratuitamente.
Provvedere allo stoccaggio
Gli oli e i grassi alimentari esausti devono essere stoccati in bidoni dotati di chiusura ermetica (solitamente forniti dalla società che effettua il ritiro). Essi devono essere riposti su superfici pavimentate e dotati di dispositivi o vasche di contenimento. È consigliato identificare l’area di stoccaggio con cartello riportante: stoccaggio di oli e grassi commestibili codice CER 20.01.25.
La documentazione necessaria
È obbligatorio compilare un formulario identificativo del rifiuto. Il documento, che può essere emesso dal produttore/detentore del rifiuto oppure dal trasportatore, deve essere redatto in 4 copie; entro 3 mesi dalla data del conferimento la quarta copia deve tornare a chi ha prodotto il rifiuto (ristorante, pizzeria, pasticceria, mensa ecc). altrimenti bisogna darne comunicazione alla Provincia al fine dell’esclusione della responsabilità.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome