Effetti della cessione di azienda: due sentenze di rilievo

Una sentenza (n. 8179/2001) della Corte di Cassazione – Sezione Lavoro – ha stabilito che nel caso di cessione d’azienda, i crediti previdenziali per omessi versamenti INPS sono da ritenersi crediti propri dell’Istituto previdenziale e non già del lavoratore: se detti crediti non risultino dai libri contabili obbligatori, degli stessi non dovrà rispondere solidalmente il cessionario.





La cessione di alcuni macchinari e lavoratori, non accompagnata dalla cessione di un complesso organizzativo autonomo, non è sufficiente a configurare un trasferimento d’azienda o ramo d’azienda, e si deve ritenere nullo per frode alla legge il contratto di cessione d’azienda, quando la vera ragione sia quella di eludere la legislazione vigente in materia di licenziamento (Trib. Treviso 4.11.2003).

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome