Stile coloniale al BaoBar

Elegante e raffinato, ma col vero sapore dell’Africa: si chiama BaoBar ed è il primo bar di Milano realizzato totalmente in stile africano. Siamo in via Eustachi, una zona centrale caratterizzata da palazzi signorili; qui si è voluto dare vita a un luogo caldo, accogliente e colorato – come lo è il continente nero – che nasce dalla passione che i due soci hanno per la terra d’Africa.
Per questo motivo la scelta di affidare il progetto e l’arredo del BaoBar all’architetto Nerina Seligardi, professionista milanese che da vent’anni ha esperienze di lavoro in Kenya, è indicativo della volontà di coinvolgere una persona che avesse ben presente le atmosfere, i colori e le sensazioni africane, per poterle ricreare anche a Milano.
È nato così un luogo che punta, in pareti e arredi, sulle tonalità calde della terra come il marrone e il rosso scuro, per riallacciare con essa antichi legami secondo la filosofia indigena. Senza dimenticare le pelli di elefante che caratterizzano il banco bar o le poltrone e gli sgabelli ricoperti con autentici tessuti Baluba, provenienti dal Kenya, distribuiti tra i tavolini di legno wengè (circa 40 posti a sedere).
Completa i 90 mq della struttura un piccolo soppalco sopra al banco bar, pensato come parte più intima del locale. Qui si trovano libri e volumi fotografici sull’Africa e le sculture etniche di Armando Tanzini, un artista italiano che da circa quarant’anni vive e lavora in Kenya.
In attesa di allargare i posti nel dehors di prossima realizzazione – circondato da palmette, dedicato al momento del drink (circa una ventina di posti) – il BaoBar offre un menu che spazia dalla colazione al pranzo, allo spuntino pre-cena. A chi cerca un pasto leggero sono proposti piatti che richiamano quelli tipici africani come il Chachaki, un pane ripieno che ricorda la nostra piadina, o la Somosa, triangoli di pasta fritti e ripieni di carne e formaggio o anche di frutta, in puro stile kenyota. La spesa media a pranzo varia tra 8 e11 euro, ma sono proposti anche panini, a 5 euro. Per l’ora dell’aperitivo sono proposti stuzzichini tipici africani, come la noce di cocco fritta o gli spiedini di mango, maracuja e papaya. Nel menu dei drink, accanto ai cocktail occidentali, non manca la Dawa (a 8 euro), mix kenyota a base di rum chiaro, zucchero, miele e lime. E ottimi vini bianchi del Sudafrica. Nel locale sono in programma serate live con artisti africani; per chi vuole festeggiare compleanni in modo insolito, al BaoBar (tel. 02 29533696) organizzano la festa Swahili, con tanto di corteo rituale.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome