Da Krupps la lavapiatti per grandi volumi

Krupps ha ampliato la propria gamma di lavastoviglie e lavapiatti a capotta Elitech con il modello EL70E, pensato per locali che hanno grandi volumi di lavaggi. La macchina soddisfa questa esigenza grazie alle nuove dimensioni del cestello 60 x 50 cm che, rispetto ai modelli con cestello da 50 x 50 cm, permette di triplicarne la produttività: grazie a soli 10 cm di larghezza in più diventa possibile lavare fino a 22 piatti pizza contro i 7-8 delle lavastoviglie a capotta più piccole. Il tutto senza un eccessivo incremento delle dimensioni complessive del sistema che, sempre in confronto ai modelli con cesto da 50 x 50 cm, aumentano di 10 cm in larghezza, pari a 72 cm, ma restano identiche per ciò che riguarda profondità, pari a 77 cm, e altezza, che con la cappotta aperta raggiunge i 190 cm.

La EL70 consente al gestore di scegliere quattro diversi cicli di lavaggio, da 60, 90, 120 e 240 secondi, pensati per i vari tipi di stoviglie (piatti con diametro massimo di 40 cm e pentole con altezza massima di 39,5 cm, teglie con dimensioni massime di 60 x 40 cm e ceste pane con capienza fino a 60 l), e gradi di sporco, contenendo i consumi di energia e acqua, pari rispettivamente a circa 10,64 kWh e 2 l con pressione dell’acqua a 2 bar. Durante il risciacquo, i valori di temperatura e di pressione dell’acqua vengono mantenuti costanti dal sistema Acquatech System, peculiarità dell’intera gamma Elitech, in modo da ottenere massima igiene, migliori risultati di pulizia e stoviglie asciutte, subito pronte per l’uso.

La lavastoviglie, la cui struttura è realizzata in acciaio inox AISI 304 scotch-brite, può essere equipaggiata con sistema a osmosi inversa, per depurare l’acqua dalla presenza di calcare e altri minerali, ed è dotata di sistema di gestione intelligente EWC System, che ottimizza l’impiego di acqua, energia e dei prodotti impiegati nel ciclo di lavaggio, e della funzione energy saving che, quando la macchina non lavora, riduce in automatico la temperatura dell’acqua mantenendola costante, evitando sprechi di elettricità.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here