Un nuovo look contemporaneo e distintivo per Jägermeister

Jägermeister cambia veste. Il liquore tedesco, prodotto da Mast- Jägermeister e distribuito in Italia da Campari, rinnova logo e bottiglia, indossando un nuovo look studiato per far rivivere la sua tradizione e farne risaltare le caratteristiche di prodotto premium.

La leggendaria bottiglia verde varia dunque le sua forma, con le spalle che si trasformano, squadrando le linee curve e assumendo un aspetto più mascolino. Cambia anche il tappo, migliorando insieme la qualità di sigillatura e mostrando la firma di Curt Mast, il figlio di Wilhelm, fondatore dell’azienda, che a sua volta più di ottanta anni fa creò il marchio.

Altre novità riguardano l’etichetta. Questa è ora incorniciata e presenta il classico logo con un cervo più maturo, riportato “nel suo habitat naturale”, il verde della foresta. Innovazioni che, pur rinnovando, non vanno a stravolgere la tradizione del prodotto. Curt Mast, infatti, oltre a mettere a punto la ricetta del suo liquore, e a scegliere accuratamente il modello di bottiglia, forte e resistente, caratteristiche conservate anche nella nuova versione, decise di utilizzare un cervo come marchio sull’etichetta di Jägermeister. Un omaggio al mondo della caccia, della quale Curt era un appassionato, e che si richiama alla leggenda di Sant’Uberto, un selvaggio cacciatore senza scrupoli che cambiò la sua vita, diventando un missionario al servizio della Chiesa, il giorno in cui un bellissimo cervo bianco con un crocifisso tra le corna gli apparve nella foresta.

Il nuovo formato torna così a raccontare le origini del liquore, prodotto nella distilleria di Wolfenbüttel, nel cuore della Germania, secondo una ricetta custodita gelosamente che prevede l’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e spezie provenienti da tutto il mondo, per poi essere lasciato a invecchiare per un anno all’interno di botti di quercia.

Un processo cui si deve il sapore armonico e leggermente speziato di questo liquore, con note di agrumi, zenzero e anice stellata, cui si aggiunge una leggera nota amara erbacea, da proporre liscio, come short, oppure con del ghiaccio.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here