Trader Vic’s Book of Food and Drink

Autore: Victor Bergeron with an introduction by Lucius Beebe.

Editore: Doubleday & Company, Inc.

Anno: 1946

Tra le personalità più influenti nel mondo del bere miscelato Victor Jules Bergeron Jr. (1902 - 1984), meglio conosciuto come Trader Vic, inizia la sua carriera in un locale di Oakland in California con un pugno dollari: 500 per l'esattezza. Un’attività di piccole dimensioni di nome "Hinky Dink's" che nel giro di poco tempo ottiene un grande successo. Tutto il resto è storia o, meglio, leggenda. Le capacità imprenditoriali di Trader Vic si fondavano su una buona padronanza del bere miscelato, della merceologia e del mondo rum. I suoi locali, ristoranti e bar, erano plasmati sullo stile polinesiano e sulla cultura Tiki. Tra i suoi cavalli di battaglia troviamo il classico Mai Tai, la cui paternità è stata per anni oggetto del contendere con Raymond Ernest Beaumont Gantt, passato agli annali col soprannome di Don the Beachcomber (1907 - 1989), vero padre fondatore del Tiki Style, amico, ma anche rivale di Trader Vic. Nel 1946 Trader Vic pubblica il suo primo manuale: "Trader Vic's Book of Food and Drink", una raccolta come ci suggerisce il titolo di ricette gastronomiche e di bevande miscelate. Il libro si apre con un elenco dei vari rum in commercio in quel periodo con tanto di descrizione dei luoghi d’origine e delle caratteristiche organolettiche. Segue la parte dedicata ai drink: una raccolta di specialità originali e classiche accompagnate da gustose annotazioni. Si entra poi nel vivo con una raccolta di specialità Tiki, ma anche di Punches, Juleps, Coolers, Fizzers. Tra le curiosità compare il Pino Frio, una Piña Colada ante litteram. La ricetta prevede 1 e 1/2 oz di rum cubano (nel caso citato Bacardi), 2 fette d’ananas, 1 cucchiaio di zucchero, ghiaccio. Il tutto da preparare nel mixer. Buona lettura e buona ricerca dal vostro Bibliotecario.

Richiedi la password per scaricare il libro
Hai già la password? Clicca qui per scaricare il libro

CONDIVIDI

Lascia un commento