Finanziaria 2008: incentivi e detrazioni per i pubblici esercizi

Ristrutturazioni immobiliari, lotta agli sprechi energetici e sicurezza

Il testo della legge 24 dicembre 2007, n. 244 - comunemente nota come legge Finanziaria 2008 - prevede numerose disposizioni che - direttamente o indirettamente - presentano aspetti di interesse per bar, ristoranti e pubblici esercizi in genere.

Tra le norme degne di attenzione vi sono quelle in materia di tutela dell'ambiente, lotta agli sprechi energetici e sicurezza.

A questo proposito, la legge Finanziaria 2008 prevede, sulla falsariga della legge Finanziaria dell'anno scorso (legge n. 296/2006), importanti agevolazioni in materia di immobili e consumi energetici, volte a favorire la riqualificazione energetica degli edifici esistenti.

Contrariamente al passato, dette misure non sono a favore solo dei privati, ma anche delle imprese. Ne possono pertanto beneficiare anche i pubblici esercizi.

Rottamazione frigoriferi e congelatori

L'art. 1, commi 20-24, della Finanziaria 2008 ha esteso per 3 anni, fino al 31 dicembre 2010, la detrazione fiscale per la sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni con analoghi apparecchi a basso consumo (ossia, di classe energetica non inferiore ad A+).

La detrazione è riconosciuta per una quota pari al 20 per cento del prezzo d'acquisto, fino alla soglia massima di detrazione pari a 200 euro per ciascun apparecchio.

Ristrutturazioni immobiliari

Con l'art. 1, commi 20-24, della Finanziaria 2008 vengono anche confermate le detrazioni previste dalla Finanziaria 2007 per ristrutturazioni di immobili e installazione di pannelli solari, infissi e caldaie.

In questi casi è prevista la detrazione dall'imposta lorda per una quota pari al 55% delle spese sostenute entro il 31 dicembre 2010.

Viene, inoltre, prevista la possibilità della detrazione suddetta nel caso di spese sostenute entro il 31 dicembre 2009 per la sostituzione intera o parziale di impianti di climatizzazione invernale non a condensazione.

Pubblici esercizi e sicurezza

Alle piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all'ingrosso, e a quelle di somministrazione di alimenti e bevande, l'art. 1, commi 228 e seguenti, della Finanziaria 2008 riconosce un credito di imposta pari all'80% delle spese sostenute per l'acquisto di sistemi di sicurezza, compresa l'installazione di sistemi di video-sorveglianza.

L'importo detraibile non può tuttavia essere superiore a euro 3.000 per ciascun anno del triennio 2008-2010.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here