Baritalia, seconda edizione: il regolamento

Ecco il regolamento della seconda edizione di Baritalia

 

 

 

 

Premessa

Bargiornale, al fine di promuovere e diffondere la cultura del bere miscelato e i valori dei cocktail classici promuove un laboratorio itinerante di miscelazione. L’evento si svolge in quattro tappe durante le quali le squadre di bartender, selezionate delle aziende partner, saliranno sul palco per presentare la loro ricerca.

Tema

Tema della seconda edizione è la rivisitazione dei cocktail classici secondo i moderni stili di consumo. Oggetto di studio e di analisi sono tutti i cocktail di consolidata diffusione mondiale (vedi a titolo esemplificativo tutti i cocktail IBA) e i cocktail storici e vintage tratti da ricettari ufficiali o di maggior diffusione.

La prova

Si confrontano, a squadre, i bartender delle aziende che supportano l’evento. Ogni squadra è composta da 4 professionisti del settore bar: uno speaker, o maestro di cerimonia, e tre bartender. Il maestro di cerimonia ha il duplice compito di spiegare le origini storiche, aneddoti e curiosità del cocktail classico scelto dalla squadra, nonché di descrivere le tre rivisitazioni eseguite dal suo team. Il maestro di cerimonia potrà interagire con la squadra, mostrare immagini, video, reperti, testimonianze storiche legate al cocktail e ai suoi ingredienti. Al termine della prova di ogni squadra la giuria assegna un punteggio ai tre drink ed è proclamata la ricetta che farà parte della nuova carta-ricettario di Bargiornale. Ogni rivisitazione dovrà essere riprodotta in due “esemplari”: uno per la giuria e uno per la foto.

Squadre e invio delle ricette

Ad ogni tappa l’azienda iscritta può cambiare, parzialmente o interamente, formazione. Entro 15 giorni dalla data della tappa, la squadra dovrà comunicare le ricette delle tre rivisitazioni oggetto del laboratorio. Ad ogni tappa dovrà essere presentato un classico diverso.

Durata

Milano (26 ottobre, fiera Host, Milano, pad.13, stand V22), Bari (febbraio), Palermo (marzo), Milano, Palazzo del Ghiaccio 13 giugno.

Giuria e criteri di ammissibilità

La giuria, composta da figure di spicco della bar industry, valuta le creazioni che devono rispondere ai seguenti requisiti. Le ricette devono essere rivisitazione di un cocktail classico, tradizionale, storico o vintage. La ricetta deve essere replicabile a tal fine: dovrà contenere massimo 7 ingredienti e un drink cost inferiore ai 3 euro. Sono ammessi ingredienti “home made” solo se etichettati con la dichiarazione di ingredienti e data di produzione. La tecnica di esecuzione è libera.

Composizione giuria

La giuria sarà composta da esponenti della bar industry e da esperti di settore e barman professionisti. Il giudizio della giuria è insindacabile. Per tutte le fasi della manifestazione, sarà a discrezione di Bargiornale la pubblicazione delle classifiche punteggio di ogni concorrente. Il concorrente dovrà, nel corso delle prove previste, presentare se stesso e la sua ricetta al pubblico e alle Giurie. A tal fine i giudici potranno interagire verbalmente con il concorrente durante le prove.

Attribuzione dei punteggi

Criteri valori in % valutazione

  • Gusto: la valutazione sul gusto del drink e incide per il 40%
  • Tecnica: la valutazione sullo stile e la corretta esecuzione (escluso il side) e incide per il 10%
  • Senso storico: la valutazione sulla corretta valorizzazione del cocktail originario e incide per il 30%
  • Replicabilità: la valutazione sulla riproducibilità della ricetta in termini di numero di ingredienti, reperibilità sul territorio nazionale, tempi di esecuzione, drink cost e incide per il 20%.

Qualora si verificasse una situazione di parità nel totale dei punteggi, varrà la valutazione gustativa più alta. In caso di ulteriore parità varrà la valutazione tecnica più alta, in ulteriore parità si farà una prova di spareggio.

Dinamica della prova

L’ordine di uscita avviene tramite sorteggio pubblico.
Ogni ricetta è giudicata singolarmente.
Il tempo di gara complessivo è di 25 minuti per team.
Le guarnizioni dovranno essere preparate in office

Attrezzature e ingredienti

Tutta l’attrezzatura necessaria alla realizzazione del cocktail è a cura del concorrente. La postazione in office utilizzata dal concorrente dovrà essere lasciata pulita. Succhi e centrifugati di frutta freschi sono da preparare in office. Sarà possibile presentare il proprio drink con prodotti food abbinati. Ogni prodotto utilizzato per il servizio di accompagnamento al cocktail dovrà essere reperito dal concorrente, in ogni caso non verrà considerato parte integrante del cocktail ma esclusivamente decorativo. L’organizzazione mette a disposizione esclusivamente ghiaccio e “freschissimi” (arance, limoni e altra frutta fresca).

Riconoscimento speciale della redazione alla migliore ricerca

Al termine di ogni tappa la redazione di Bargiornale decreterà la ricerca più interessante ai fini redazionali (curiosa, notiziabile, inedita, ecc.) che sarà pubblicata sul primo numero raggiungibile di Bargiornale.

A conclusione del nostro tour tutte le ricerche presentate dalle squadre saranno raccolte in una pubblicazione.

Diritti e licenze

I singoli bartender partecipanti dal momento della richiesta di partecipazione ed iscrizione nella rispettiva squadra dichiarano di essere consapevoli del fatto che si impegnano a concedere a Bargiornale (New Business Media Srl) il diritto e la licenza, senza nessun compenso, di utilizzare, adattare , pubblicare, riprodurre sia la ricetta che le immagini ad essa collegate.

 

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here