U-Tub di Base Pizza, un format da tesi di laurea

U-Tub diventa oggetto di studio. Due gruppi di studenti delle facoltà di Economia e commercio dell’Università di Bari e della Lum di Casamassima hanno scelto il marchio di prodotti di Base Pizza come tema delle loro tesi di laurea. Un brand “contenitore” che comprende i prodotti dell’azienda di Gravina di Puglia, in primo luogo base pizza e pucce (un panino della tradizione pugliese) e di idee e metodologie di lavoro per trasformarle in pizze e pianini farciti, che in pochi anni ha saputo diffondersi in tutta Italia, dove conta circa 420 clienti nel canale horeca.

Una diffusione che ha uno dei suoi punti di forza nei format che l’azienda ha messo a punto per gli operatori, pensati per integrarsi in ogni tipologia di locale. Questi comprendono Bar Project U-Tub, un kit completo di tutti gli strumenti, dal fornetto con pietra refrattaria alle pale al taglia pizza, per la preparazione e presentazione dei prodotti; Corner U-Tub, una struttura di 2,5×2,5 m di dimensione che comprende banco in legno con piano refrigerato per l’esposizione e vendita, comparti refrigerati, lavello e motore, cappa a carboni attivi e il kit di attrezzature del Bar Project; Vagabond U-Tub, una struttura mobile per lo street food con gancio traino per auto. L’investimento richiesto, che comprende anche la formazione del personale, va da circa 850 a 4.000 euro (a seconda del modello di forno e accessori) per il Bar Project, intorno ai 20.000 per il Corner e circa 35.000 euro per il Vagabond.

Altro aspetto qualificante del marchio è rappresentato dalla proposta di prodotti. Le basi pizza e le pucce, realizzate dai maestri pizzaioli dell’azienda utilizzando materie prime made in Puglia, semola di grano duro rimacinata e olio extravergine d’oliva, secondo un processo artigianale che prevede che la fase di stesa venga eseguita a mano e la cottura in forno a pietra, vengono fornite precotte, in modo da lasciare al gestore la possibilità di farcirle, con ingredienti freschi, secondo la propria fantasia e il desiderio del cliente, per poi completare la preparazione. A questo scopo l’azienda ha messo a punto anche una serie di proposte per rispondere a diverse esigenze di consumo, come la pizza U-Tub, una pizza da “passeggio”, arrotolata dopo la cottura e servita in un apposito contenitore, la pizza Sushi (salata o dolce), sempre arrotolata e poi tagliata a rondelle e servita in piatti di porcellana per il consumo al tavolo o in contenitori di cartoncino per l’asporto, Pizza Sfiziosetta, tagliata a spicchi e indicata per spuntino fuori orario e aperitivi, fino al menu di degustazione Giro Pizza per più persone (antipasto U-Tub, tre pizze Sfiziosetta, tre pizze Sushi salate e una pizza Sushi dolce). Analoga varietà e creatività riguarda le pucce, che possono essere proposte sia come classico panino sia come pane per bruschetta, e le insalate, contenute in una base piadina da condire a piacimento con prodotti freschi.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here