Snack dolci in crescita

Secondo l'indagine Nielsen Horeca il settore degli snack dolci è in moderata crescita in volume e in valore rispetto all'anno scorso, trainato dal canale off trade, con il gelato confezionato a far la parte del leone (56,8%).

Buone nuove per biscomerende, barrette, biscotti ripieni, snack al cioccolato e wafer. Ovvero il cosiddetto segmento degli snack dolci: a maggio 2015, rispetto ai dodici mesi precedenti, il comparto degli snack dolci risulta in moderata crescita sia a volume che a valore (rispettivamente: +1,4% e +1,5%), con conseguente prezzo medio stabile (+0,1%).

Il bar perde terreno
Che gli italiani siano diventati improvvisamente un popolo di golosi? Ahinoi, a ben leggere i dati, la buona performance è determinata dall’andamento positivo nel solo canale off trade.
«Il trend della categoria nel mass market (+3,0% a valore e +2,4% a volume) - sottolinea Sara Zucchi di Nielsen - è determinato dalla parte alta della distribuzione (Iper, Super e Liberi Servizi), risultano invece in sofferenza i discount e piccoli negozi tradizionali. In sofferenza anche bar diurni e tabacchi, con un trend significativamente negativo a volume (-12,5%) e a valore (-7,7%)». E la tendenza negativa è generalizzata a livello di area. «Solo l’area 4, la più importante per la categoria, in quanto veicola il 31% dei volumi - conclude Zucchi -, registra un trend migliore rispetto alla media (-5,7% a volume e -1,5% a valore).

Il mercato degli snack nel mondo
Nel mondo il settore degli snack non conosce la crisi. Il comparto sviluppa 374 miliardi di dollari nell’anno terminante a marzo 2014, con un incremento del 2%. Le vendite annuali di snack crescono più del doppio nei Paesi emergenti (America del Sud e Medio Oriente/Africa). Il 79% degli intervistati (30mila utenti Internet in 60 Paesi) mangia gli snack a casa, senza averlo pianificato. Le donne consumano più snack degli uomini. In generale, i consumatori preferiscono snack semplici (meno ingredienti) rispetto a snack complessi.

Biscomerende
È un segmento di dimensioni limitate che vale l’1,8% dei volumi totali. Registra trend decisamente negativi (-26,6% a volume e -26,8% a valore) in tutta Italia, fatta eccezione per l’area 1, che però risulta essere la più piccola in termini di sales location a volume (solo 3,8%). S.Z.

Barrette
Questo segmento vale il 5,2% del totale e ha un’incidenza maggiore a valore (8,6%), a causa di un prezzo al kg superiore alla media. Il segmento registra un trend negativo allineato a volume e valore (-7,8% e -7,3% ). Molto negative le aree 1 e 2 e decisamente positiva l’area 4 che è anche la principale per la categoria, in cui è allocato il 44% dei volumi. S. Z.

Biscotti ripieni
I cosidetti biscotti ripieni valgono l’11,3% del totale e il comparto registra trend a volume pari a -6,9% e a valore pari a -3,0%, grazie a un aumento del prezzo medio. Fatta eccezione per i tabacchi, in cui il segmento perde presenza, in generale non si evidenziano cali di distribuzione nei bar: il trend è legato a un calo delle rotazioni dei principali prodotti. S. Z.

Snack al Cioccolato
Il segmento registra un calo a due cifre a volume (-12,3%) e più contenuto a valore (-6,9%) grazie all’aumento del prezzo medio (+6,2%). Area 3 e area 4, le più importanti per allocazione vendite, sono le aree in cui il segmento registra trend meno negativi della media (rispettivamente, -8,8% a volume e -2,1% a valore, -7,4% a volume e -3,6% a valore l’area 4). In sofferenza l’area tradizionale degli snack più golosi, segnali positivi invece per i prodotti con connotazione healthy. Barbara Mancini

Wafer
Il segmento è maggiormente in sofferenza insieme a quello delle biscomerende, ma il suo apporto al totale è maggiore in quanto pesa circa il 6%. Nell’ultimo anno i wafer porzionati registrano trend negativi a doppia cifra (-22,8% a volume e -21,3% a valore). L’area 2 continua a essere la principale in termini di vendite (36,4% del totale volumi), ma anche in termini di performance. S.Z.

Tavolette
Analizzando l’anno terminante a maggio 2015 e considerando il totale canali, la categoria risulta in lieve calo a volume (-0,7%) e in crescita a valore (+1,8%) , con prezzo medio in crescita (+2,5%). Il trend della categoria è sostenuto dalla performance positiva del mass market (-0,4% a volume e +2,4% a valore). La dinamica delle vendite nell’on trade invece è negativa a volume (-9,1%) e a valore (-5,4%) e la tendenza è generalizzata a livello di aree. S.Z.

Cioccolatini
Considerando il totale canali, il segmento risulta in calo sia a volume (-3,9%) che a valore (-3,2%) , con prezzo medio pressoché stabile (+0,7%). Anche nel caso dei cioccolatini si registra un trend meno negativo nell’off trade (-3,4% a volume e -2,7% a valore). Nell’on trade la tendenza negativa è invece generalizzata a livello di area: solo l’area 4, prima per importanza a volume, registra un trend positivo (+3,8% a volume e +15,2% a valore). S.Z.

Ovetti
Decisamente negative le performance nell’on trade: -15,4% a volume e -31,0% a valore. Solo l’area 3, prima per importanza a volume (-5,1%), registra un trend positivo a valore (+8,7%). S.Z.

Bocconcini al cioccolato
I bocconcini al cioccolato registrano un giro d’affari di oltre 43 milioni di euro e oltre 28 milioni di confezioni vendute. Nell’ultimo anno l’offerta vede un calo generalizzato di fatturato a due cifre (-12%). La perdita è legata soprattutto al mondo dei bar cross area mentre i tabacchi, responsabili del 12% del fatturato, sono stabili. Ma, rispetto al passato, lo scenario è oggi molto più dinamico dato l’ingresso di nuovi attori negli ultimi mesi.

Nella foto, un espositore da bar con prodotti Perfetti.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here