Rivoluzione verde per i locali notturni

Club –

È partito da Rotterdam il movimento dei locali della notte rispettosi dell’ambiente. Banconi in vetro riciclato, illuminazione a basso consumo ed energia solo da fonti rinnovabili

Una delle formule di aggregazione che funzionano di più negli ultimi tempi, soprattutto in Usa, Gran Bretagna e Nord Europa, è il “green clubbing”. Si tratta in sostanza di organizzare eventi, soprattutto nelle discoteche, con uno sfondo ambientalista e con l’obiettivo dichiarato di divertirsi, senza rinunciare all’edonismo, ma allo stesso tempo risparmiare energia e ridurre le emissioni inquinanti. Molti locali e organizzazioni reclamano il primato di essere “il primo locale verde del mondo”, ma i veri precursori di questo movimento stanno a Rotterdam e fanno parte di un’organizzazione non governativa chiamata Enviu.

La disco ecosostenibile

Fin dal 2006 Enviu ha avviato un programma, The Sustainable Dance Club, che attraverso nuove tecnologie e un attento design allestisce i locali, anche per una sola serata, trasmettendo il messaggio di uno stile di vita sostenibile. Nucleo della formula, oltre a video e display che mostrano consumi di acqua ed elettricità e inneggiano alle fonti rinnovabili, è un pavimento speciale, in grado di produrre energia attraverso il calpestio di chi vi balla sopra. The Sustainable Dance Club, emanazione di Enviu, è divenuta un’organizzazione a sé stante, con l’obiettivo di realizzare entro il 2008 una discoteca completamente ecosostenibile a Rotterdam e di esportare il format in tutto il mondo, sia per i locali sia per eventi musicali.

C’è anche la certificazione ambientale

Tutto questo mentre a Manhattan ha debuttato Greenhouse nel quartiere di SoHo. Si tratta di un locale notturno completamente ecologico, che punta a ottenere la certificazione ambientale più severa degli Usa, la Leed (Leadership in energy and environmental design). Greenhouse è realizzato interamente in materiali riciclati o riciclabili, su una superficie di 557 mq distribuiti su due piani, con due diversi sistemi di diffusione sonora, bar con banconi in vetro riciclato e arredi assolutamente ecosostenibili, perfino nei bagni, dove si trovano cosmetici naturali. Gli arredi di Greenhouse impiegano legnami di provenienza certificata, pavimenti e pareti in bambù, illuminazione a basso consumo a Led. Stesso obiettivo, ma con sede diversa, a Londra, persegue Club4Climate, un’organizzazione presieduta da un personaggio alquanto particolare, Doctor Earth, che dal suo sito invita i giovani a divertirsi pensando all’ambiente.
L’ultima creazione della società è il Surya, locale a King’s Cross, nella capitale britannica, dotato anch’esso di un pavimento che produce energia, che copre il 50% del fabbisogno della struttura. Una miniturbina eolica e un impianto ad energia solare, ancora in fase di realizzazione, renderanno il disco club completamente autonomo nel giro di pochi mesi.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here