Organizzato da Birra Peroni, il concorso mixability “Ti Porta Lontano” è stato vinto dal giovane Lucio Serafino, head bartender all’Harry Johnson Speakeasy di Caorle.

Non capita spesso che una birra sia protagonista di un concorso di cocktail. Da tempo attenta alla generazione di giovani talenti italiani che guardano al futuro con voglia di fare (in linguaggio sociologico Morving Forward Generation), Birra Peroni ha lanciato per il suo marchio di punta Nastro Azzurro il concorsodi miscelazione attraverso la sua piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”. Tra le centinaia di utenti che hanno partecipato con una propria ricetta a base di Nastro Azzurro, solo cinque sono stati chiamati in finale presso il nuovo locale Nick’s & Co di Milano (zona Stazione Centrale). L’iniziativa ha ricevuto l’appoggio di Zero, guida gratuita ad eventi e manifestazioni delle sei principali città italiane.

Una gara creativa
A valutare i finalisti, con una prova pratica (con relativa presentazione) al banco bar, ha provveduto una giuria di esperti come Giorgio Chiarello (top mixologist Nastro Azzurro), Matteo Zambon (master trainer Flair Academy), Simone Muzza (responsabile bere&mangiare delle guide Zero), Dario Giulitti (brand manager Nastro Azzurro). I maggiori consensi della giuria sono andati al cocktail Azzurro Glaciale preparato da Lucio Serafino, head bartender presso Harry Johnson Speakeasy di Caorle (Venezia), cocktail bar classificatosi tra i Top 10 (categoria Locale Rivelazione dell’Anno) al Barawards di Bargiornale. Il vincitore si è aggiudicato un corso full immersion di due settimane alla Flair Academy di Milano, ente formativo accreditato da Regione Lombardia. Il cocktail è un’infusione a base di gin trentino, succo di limone, Nastro Azzurro, miele ed estratto di lavanda. «Con gli ingredienti impiegati - afferma Lucio Serafino, 30 anni - ho voluto ritornare indietro nel tempo, quando da ragazzino mi piaceva passeggiare nei boschi e mi saziavo dei tanti e inebrianti aromi e profumi della vegetazione». (nastroazzurro.it)
Gli altri finalisti beertender sono stati Maddalena Vannozzi con Living Nature, Nicola Viggiani con Madama Angiola, Andrea Giari con Midsummer Dream e Michele Picone con Nastro Igp. Tutti e cinque i cocktail sono stati preparati in versione long drink, facendo spesso ricorso a ingredienti del territorio (agrumi, miele) spesso lavorati homemade. Scarsa attenzione invece è stata riservata alle decorazioni, molto essenziali.

Trend in osservazione
«Nastro Azzurro è diventata la birra italiana più conosciuta e venduta nel mondo - commenta Sabrina Fontana, Nastro Azzurro & premium brands marketing manager - e con questa iniziativa vogliamo dimostrare che il talento italiano è senza confini. Per questo motivo abbiamo messo in funzione una piattaforma in cui le idee di diversi settori dalla moda al food and beverage, dal cinema alla musica possono essere condivise con tutti gli utenti nel sito nastroazzurro.it/tiportalontano/». Mentor della piattaforma è Federico Riezzo, resident mixologist di House of Peroni Nastro Azzurro, una innovativa location aperta a Hertford, Londra.
I lavori presentati confermano la versatilità nei cocktail di Nastro Azzurro, birra premium da 5,1° alc, il cui formato da 25 cl è stato creato apposta per un’occasione di consumo come l’aperitivo. Grazie alla sue caratteristiche (effervescenza, gusto amaricante, grado alcolico ridotto) si stanno diffondendo molti cocktail originali o varianti di grandi classici come NA Spritz: 10 cl Nastro Azzurro, 3 cl Prosecco, 3 cl Aperol, 5 cl spremuta pompelmo rosa, servire con ghiaccio in coppa grande.

Ricetta vincente

Cocktail Azzurro Glaciale di Lucio Serafino
Cocktail Azzurro Glaciale di Lucio Serafino

Azzurro Glaciale
di Lucio Serafino, Harry Johnson Speakeasy - Caorle (Ve)
Ingredienti
4,5 cl Gin Z44 Roner
3 cl Nastro Azzurro
2,5 cl succo limone di Sorrento Igp
2 barspoon sciroppo di miele
Preparazione
Versare gli ingredienti (meno Nastro Azzurro) nello shaker con ghiaccio, agitare energicamente e versare in tumbler basso con ghiaccio, colmare con una spuma
di Nastro Azzurro (aromatizzata con gocce di estratto di lavanda di Venzone) ricavata con un blender a immersione, guarnire con fiori di campo essiccati.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here