L’Aperisardo piace ai continentali

Aziende –

Ichnusa si dimostra in grado di appassionare i consumatori anche al di fuori dei confini sardi. Merito di un aperitivo tipico

Sardegna e viene subito in mente, parlando, di birra la bottiglia ambrata di Ichnusa, marchio storico nato nel 1912 a Cagliari e che dal 1986 fa parte del portafoglio di Heineken. Oltre 100 anni di storia e non sentirli. Difatti, da qualche anno la birra sarda ha cominciato a farsi largo nel Continente con iniziative volte ad aumentarne la visibilità e la notorietà. Attività omnichannel che hanno riguardato il web, la tv e l’offline e che hanno registrato un forte seguito di appassionati in tutto il Paese. Ad esempio, la pagina Facebook di Ichnusa, nata nel 2011, ha raccolto in poco tempo oltre 300mila fan.
Ritorni positivi anche per per operazioni promozionali sul territorio che hanno visto protagonisti alcuni bar e locali serali delle maggiori città italiane.

Eventi legati al territorio

«L’anno scorso abbiamo avviato l’iniziativa “Aperisardo” - spiega Valentina Simonetta, group brand manager di Ichnusa - promuovendo un aperitivo con prodotti tipici sardi (es. pane carasau, formaggi ecc.) in abbinamento a un’ottima birra Ichnusa. In totale siamo riusciti a proporre in stretta collaborazione con i gestori dei locali coinvolti una cinquantina di eventi distribuiti tra Piemonte, Lombardia, Toscana e Lazio, registrando un elevato livello di gradimento». Tanto che l’”Aperisardo” verrà ripetuto anche quest’anno, triplicando il numero di eventi in programma, 150, ed espandendo geograficamente il raggio d’azione. «È un momento positivo per le specialità birrarie regionali e tipiche - aggiuge Simonetta - e Ichnusa s’inserisce perfettamente in questa tendenza che punta a riscoprire e valorizzare prodotti autentici». Ovviamente, sempre ricco il palinsesto delle iniziative organizzate “in casa” sul mercato sardo previste per il 2014. Torna “Mondo Ichnusa”, evento musicale che da sei anni accende l’estate dell’isola, e tutta una serie di attività di sponsorizzazione a manifestazioni volte a preservare le tradizioni dell’isola come la famosa Ardia di Oristano. Tra le iniziative di maggior successo dell’anno scorso il lancio del primo calice dedicato al rito della “sbicchierata”. Una mossa giusta che ha rafforzato ancora di più il legame della “bionda” con la sua Sardegna.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here