La somministrazione di alcool ai clienti dei locali pubblici

I divieti e le sanzioni stabiliti dall’ordinamento

L'articolo 689 del codice penale punisce, con pena pecuniaria da 516 a 2.582 euro o pena della permanenza domiciliare da 15 giorni a 45 giorni, ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità da 20 giorni a sei mesi e la pena accessoria della sospensione dell'esercizio, l'esercente che somministra in un locale pubblico bevande alcoliche (sono considerate tali le bevande con una gradazione superiore a 1,2 gradi di alcol) alle seguenti categorie:

- minori degli anni 16;

- persona che appaia affetta da malattia di mente o che si trovi in manifeste condizioni di deficienza psichica a causa di un'altra infermità.

L'articolo 691 del codice penale punisce con le pene summenzionate gli esercenti che somministrano bevande alcoliche a una persona in manifesto stato di ubriachezza.

La legge n. 125/2001 punisce, invece, con la sanzione amministrativa da 516 a 2.582 euro chi assume o somministra bevande alcoliche nelle attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni sul lavoro, ovvero per la sicurezza, l'incolumità o la salute di terzi. Inoltre, pone il divieto di vendita al banco (somministrazione) di bevande superalcoliche nelle aree di servizio situate lungo le autostrade dalle ore 22.00 alle ore 06.00.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here