La carta degli aperitivi di Baritalia 2017

BARITALIA HUB, BARI 2017. FOTO DI ANDREA SAMARITANI - MERIDIANA IMMAGINI

In tre anni Baritalia Lab, il laboratorio di miscelazione itinerante di bargiornale, è diventato sempre più grande. Siamo partiti nel 2015 con quattro città e 1500 partecipanti. All’ultimo tour - tra Torino, Catania e Bari - hanno assistito 4.800 ospiti. Nella carta dell’aperitivo, qui allegata in formato PDF, trovate le trenta migliori ricette presentate nel corso dell'edizione 2017 dalle dieci squadre partecipanti: Branca, Campari Academy, Cortese, Diplomatico, Fabbri 1905, Gancia, Lucano, Martini, Turin Vermouth e Roner. Le modalità del confronto, del “non concorso” come lo abbiamo ribattezzato era semplice. Quattro professionisti del settore bar per ogni squadra: uno speaker, o maestro di cerimonia, e tre bartender. Ai maestri di cerimonia è toccato l’onore di presentare 90 drink suddivisi in tre categorie: un cocktail classico da aperitivo rivisitato; un cocktail classico o originale da aperitivo pensato per un consumo on the go o d’asporto; un cocktail classico o originale da aperitivo accompagnato da uno stuzzichino (side) preparato direttamente sul banco di gara. Il racconto delle 30 migliori ricette, presentate dagli 86 professionisti che hanno partecipato al nostro cocktail lab - le trovate dunque nel PDF allegato. Sono suddivise per ingrediente; rum, gin, bitter & liquori aperitivi, vini e vermouth.
Sono state selezionate da una giuria in cui spicca il Gotha del bartending internazionale. Parliamo di personaggio del calibro di Jeff Berry, Dario Comini, Mauro Mahjoub, Fulvio Piccinino, Daniele Dalla Pola, Jad Ballout, Nico De Soto, Tony Conigliaro, Gabriele Manfredi, Hiroyasu Kayama. Ai grandi bartender, si sono aggiunti i grandi chef chiamati a valutare la bontà degli abbinamenti cibo e drink.
Con noi a Torino c’era lo stellato Davide Scabin del Combal.Zero di Rivoli; a Catania Pino Cuttaia, due stelle Michelin, di La Madia di Licata e a Bari la chef stellata Antonella Ricci del Al Fornello da Ricci di Ceglie Massapica (Br).
A valutare la parte tecnica dei drink fatti per il take away ci ha pensato una giuria della quale hanno fatto parte Gianpietro Sacchi, direttore dei corsi di alta formazione per l’horeca del Poli.Design di Milano, Alberto Conti, global marketing & style manager di Goldplast; Diego Ferrari di Cocktail Art; Carlo Meo, amministratore delegato M&T e l’artista Andrea Chisesi.

Allegati

Carta dell’Aperitivo, Baritalia 2017
CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here