Il “libretto formativo del cittadino” è un documento di rilievo per il lavoratore

La definizione dell’ordinamento

L'art. 2 del Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n.276 definisce il concetto in esame. Infatti così si legge:

"Libretto personale del lavoratore definito, ai sensi dell'accordo Stato-regioni del 18 febbraio 2000, di concerto tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e il Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, previa intesa con la Conferenza unificata Stato-regioni e sentite le parti sociali, in cui vengono registrate le competenze acquisite durante la formazione in apprendistato, la formazione in contratto di inserimento, la formazione specialistica e la formazione continua svolta durante l'arco della vita lavorativa ed effettuata da soggetti accreditati dalle regioni, nonche' le competenze acquisite in modo non formale e informale secondo gli indirizzi della Unione europea in materia di apprendimento permanente, purche' riconosciute e certificate".

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here