I vini del Trentino incontrano la cucina di tutta Italia

Iniziative –

Un’azienda vinicola di Trento ha effettuato un tour enogastronomico nelle varie regioni della Penisola, sperimentando innovativi abbinamenti

Comunicare, spiegare, raccontare. Per vendere e non solo. Anche per far capire i motivi di una scelta produttiva, le caratteristiche di un territorio, le peculiarità di un vitigno a bacca bianca o rossa prodotto in una zona piuttosto che in un'altra. Questa la filosofia dei Cavit Tour, ovvero un ciclo di appuntamenti enogastronomici dove i vini del Trentino incontrano la cucina di varie regioni. Banale operazione di marketing? No. Qualcosa di più complesso.

Appuntamenti in tutta Italia
«Organizziamo trenta, quaranta serate all'anno in tutt'Italia - spiega Alessandro Rosso, direttore commerciale Italia di Cavit - per raggiungere obiettivi diversi: diffondere la cultura enologica trentina nelle diverse regioni italiane, proponendo abbinamenti di vini trentini con piatti tipici regionali. Creare un forte rapporto con il ristoratore e soprattutto animare il locale del nostro cliente con iniziative originali». Che i clienti, visti gli afflussi fin qui registrati, hanno già dimostrato di apprezzare, e parecchio. Le serate sono condotte da Luciano Rappo, esperto di analisi sensoriale, responsabile per Cavit del panel di degustatori, che seleziona con gli enologi i vini e gli spumanti protagonisti del Cavit Tour, in un confronto preliminare con gli chef dei ristoranti coinvolti. La risposta culinaria dei ristoranti finora interessati? Quelli di Abruzzo, Puglia e Basilicata si sono espressi con menu sempre molto vari e creativi, in una piacevole “diatriba” tra sapori e prodotti di mare e di montagna.

Clienti intenditori
«Stupisce il fatto che i consumatori conoscano così bene i vini bianchi profumati e freschi del Trentino- spiega Luciano Rappo -. Chi partecipa a questi eventi infatti sono grandi appassionati di vino e spesso dimostrano di apprezzano più le caratteristiche dei vini del Nord che i vini bianchi prodotti nel territorio dove vivono. Diverso il discorso sui vini rossi. La tendenza del gusto, soprattutto al sud Italia, privilegia il rosso molto colorato e ricco al palato. Assaggiando i nostri prodotti che hanno caratteristiche maggiori di freschezza e acidità, qualcuno rimane perplesso. Per affascinarli usiamo una comunicazione molto semplice, un linguaggio diretto, abolendo i soliti “tecnicismi” e cercando di dare un'emozione tramite il vino che stanno bevendo. Proviamo a coinvolgere quelle persone che rimangono subito attratte dalle tematiche esposte, cercando di renderli protagonisti. E alla fine della serata i commenti sono quasi sempre positivi sui vini e gli abbinamenti».

Abbinamenti vino cibo tutti da raccontare
Molto importante per la riuscita di questi eventi è la complicità del ristoratore, che deve saper spiegare in maniera approfondita i motivi che lo hanno portato a creare una ricetta piuttosto che un'altra. Ecco dunque abbinamenti arditi, ma che davanti alle spiegazioni degli chef sono stati compresi e graditi. Per esempio: orata dell'Adriatico con speck trentino in unione a Schiava gentile Bottega Vinai proposta dall'Hostaria l'Angolo divino di San Salvo (Ch) o le orecchiette della nonna con cozze e broccoli unite al Sauvignon Maso Toresella 2005, preparata da La Vecchia marina di Polignano a mare (Ba).

Nuovo rapporto fra ristoratore e casa vinicola
«Tra la casa vinicola e il ristoratore - spiega Alessandro Rosso - nasce così un rapporto nuovo che porta numerosi vantaggi sia a chi lo promuove, cioè alla cantina, che all'operatore . Quest'ultimo fidelizza la clientela più attenta, quella per capirci aperta alla ricerca di esperienze enogastronomiche di alto livello. E inoltre ha la possibilità di sfruttare il “richiamo” pubblicitario legato all'avvenimento, grazie alla comunicazione intrapresa da Cavit verso gli organi di informazione del territorio.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here