Diffusione nei bar delle partite di calcio criptate

La sentenza della Corte di Cassazione n. 23221/2004

Linea dura della Corte di Cassazione nei confronti di chi diffonde al bar o in altri esercizi pubblici le partite di calcio e le trasmissioni criptate trasmesse dall'emittente televisiva SKY.

Una piuttosto recente sentenza della Corte di cassazione ha infatti stabilito che il contratto domestico che consente di vedere da casa le partite criptate non può essere esteso agli esercizi commerciali. Si tratta della sentenza n. 23221 del 2004.

In caso contrario, sono previste sanzioni amministrative come il sequestro del decoder e della smart card.

Secondo la Suprema Corte, anche se la materia della diffusione non autorizzata di trasmissioni criptate e' stata più volte sottoposta ad interventi normativi non omogenei, deve essere prioritaria la tutela del diritto d'autore.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here