Facile ed efficiente: CassaNova sul campo

È facile da installare e da utilizzare, svolge tutte le funzioni necessarie alla gestione di un locale, dalla presa delle comande al calcolo del conto, allo scarico del magazzino e consente anche di tenere sotto controllo a distanza la propria attività da qualsiasi dispositivo connesso in rete: pc, tablet o smartphone. CassaNova insomma, il gestionale per i locali e la ristorazione sviluppato da TwinLogix, è una soluzione innovativa per i locali che vogliono abbinare il controllo minuzioso dell’attività all’agilità. Abbiamo provato a sentire chi già lo utilizza locale per farci raccontare quali sono i suoi vantaggi.
«Ci sono vari aspetti – dice Nadir Malagò, manager di The Meatball Family, catena di ristoranti incentrata sulla proposta di polpette – che ci hanno indotto a scegliere questo software. Funzioni che poi sono stati confermate nella loro efficienza dall’utilizzo operativo. Penso innanzitutto alla facilità di installazione: CassaNova si scarica come una app e si installa su qualsiasi tipo di dispositivo portatile, per esempio un tablet, trasformandolo immediatamente in punto cassa oppure in terminale per la presa della comanda».
In particolare The Meatball Family ha scelto la iPad con schermo da 13 pollici per il punto cassa, mentre utilizza il mini a iPad di Apple Per la presa delle ordinazioni al tavolo. «Il vantaggio – dice Malagò – è che non è necessario ricorrere a palmari specifici per la ristorazione e questo consente da un lato di ridurre i costi e dall’altro di dotare il cameriere di uno strumento che può essere impiegato anche per altre cose, non solo per le comande. Faccio un esempio: noi abbiamo un ristorante vicino alla Stazione Centrale di Milano e molti clienti ci chiedono informazioni sulle vie o su come raggiungere un punto. Con il tablet a portata di mano possiamo supportarli anche su questo tipo di richiesta, che non ha nulla a che vedere con la ristorazione, ma che contribuisce a rafforzare la customer satisfaction». Sempre sugli stessi palmari i gestori hanno caricato le schede degli allergeni relative ai vari ingredienti utilizzati nei piatti, in modo da fornire al volo informazioni al riguardo agli ospiti che ne fanno richiesta.

Versatilità e semplicità
Oltre al ristorante di Stazione Centrale, The Meatball Family, conta anche un altro locale sempre a Milano, nei pressi di Porta Genova, e tre “food-truck”. «Al momento – spiega ancora Nadir Malagò – utilizziamo CassaNova solo nel primo, ma l'idea è di espandere l'utilizzo a tutta la catena che, tra l'altro, stiamo pensando di allargare con nuovi ristoranti. Tutto funziona molto bene, grazie anche alla grande semplicità che riscontriamo nell'aggiornare i menu oppure il layout del locale, per esempio quando dobbiamo unire dei tavoli. Dobbiamo ancora approfondire l’impiego di altre funzioni, come quelle per la fidelizzazione del cliente o per la creazione di una app per i locali, ma le giudichiamo molto interessanti e le testeremo senz'altro non appena avremo preso confidenza con tutto il sistema». Un altro aspetto di non trascurabile importanza è, poi, il costo decisamente concorrenziale rispetto alle altre soluzioni sul mercato.

Una rete dedicata
Nessun problema dunque? «Inizialmente – dice Malagò – riscontravamo la tendenza degli iPad a perdere la connessione wifi nelle ore di punta della giornata e questo rendeva più lento il trasferimento della comanda ai centri di produzione, come la cucina. Poi ci siamo accorti che il tutto era determinato dall’intasamento del traffico telefonico in una zona affollatissima come quella di Stazione Centrale a Milano. CassaNova, insomma, non c’entrava nulla: era il fornitore telefonico ad andare in sovraccarico. Ci siamo consultati rapidamente con il distributore di zona del software che ci ha risolto il problema rapidamente. È bastato installare un router dedicato a cui collegare in wifi tutti i nostri tablet. Ora tutto funziona alla perfezione e abbiamo anche potuto riscontrare che l’assistenza sul prodotto è estremamente efficiente».

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here