BrewDog lancia Equity for Punks, un progetto di crowdfunding per reclutare nuovi azionisti

Birra artigianale e finanza. A unire queste due realtà ha pensato la birreria scozzese BrewDog con Equity for Punks, un progetto di crowdfunding nato per sostenere i piani di espansione dell’azienda a livello mondiale. L’iniziativa di finanziamento dal basso, lanciata nel Regno Unito lo scorso aprile, si rivolge adesso anche all’Italia, secondo mercato di esportazione per le birre BrewDog, per poi essere allargato ad altri paesi europei.

Obiettivo del progetto, che in Inghilterra ha già raccolto l’adesione di circa 2500 investitori per un importo di oltre 9 milioni di euro, è raggiungere, attraverso la vendita di 526316 azioni, quota 35 milioni, cifra che verrà utilizzata per finanziare i piani di espansione a livello internazionale dell’azienda. Piani che prevedono l’apertura di bar BrewDog a Roma, Torino e Milano, che andranno così aggiungersi ai due avviati di recente a Firenze e Bologna, oltre a un hotel con birra artigianale, una nuova fabbrica e una distilleria in Scozia, e una birreria negli Stati Uniti, a Columbus in Ohio.

Le azioni possono essere acquistate direttamente nei bar di BrewDog di Firenze e Bologna, oppure tramite il sito (in Italiano) http://www.brewdog.com/it/equityforpunks, dal quale è possibile scaricare anche il foglio illustrativo di Equity for Punks, approvato dalla Financial Conduct Authority, l’agenzia del Regno Unito che vigila sui mercati finanziari, sotto le Prospectus Rules stabilite sotto la Parte VI del Financial Services and Markets Act 2000. L’investimento minimo è di due azioni, per un importo di 95 sterline equivalenti a 133 euro.

Questo piano di finanziamento non rappresenta una novità per BrewDog, che ha scelto l’azionariato diffuso come proprio modello di sviluppo e conta attualmente oltre 14.500 azionisti. La birreria artigianale, fondata nel 2007 da James Watt e Martin Dickie (nella foto), in un capannone a Fraseburgh, una cittadina nel nord dell Scozia, ha lanciato la prima iniziativa di crowdfunding nel 2009, operazione che le ha consentito nel corso di questi anni di aprire 27 locali  in tutto il mondo. Nei locali, oltre alle birre a marchio BrewDog, tra le quali la Ipa Punk, la Vagabond Pale Ale, Five Am Red Ale, This. Is. Lager., viene proposta una vasta scelta di birre artigianali di altri produttori, servite sia alla spina sia in bottiglia.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here