Accesso ai dati personali: i chiarimenti del Garante

Il gestore dei dati deve favorire l’accesso da parte dell’interessato





Il Garante per la protezione dei dati personali, con la decisione del 2 maggio 2005, ha accolto il ricorso di un lavoratore in ordine all'accesso ai dati personali detenuti dal datore e relativi all'attività prestata.

Il Garante ha precisato che, quando l'interessato chiede di accedere ai dati personali che lo riguardano, non è tenuto a indicare specificamente in quali atti o documenti essi sono contenuti. Chi gestisce la banca dati, invece, deve comunicare, in modo intelligibile, tutte le informazioni in suo possesso, senza essere tenuto a esibire o rilasciare copia di atti o documenti che li contengono.

Il Garante, inoltre, ha chierito che il titolare del trattamento deve favorire l'accesso ai dati da parte dell'interessato, ricorrendo anche alla selezione informatizzata.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here