A Rachele Giglioni il titolo italiano Martini Royale Contest

Concorsi –

Finale transalpina per la seconda edizione del concorso Bacardi-Martini sulle variazioni del cocktail Martini Royale. Ad aggiudicarsi il titolo italiano è stata Rachele Giglioni, il titolo francese è andato ad Anthony Bertin. Nell’occasione è stato presentato il vermouth Martini Gran Lusso.

La finale del concorso Martini Royale Contest si è svolta il 3 luglio scorso alla Terrazza Martini di Pessione Chieri (Torino), all'interno dello storico stabilimento, scelto appositamente per celebrare i 150 anni di attività dell'azienda torinese Martini&Rossi. In Terrazza si sono dati “battaglia parallela” il team dei tre finalisti italiani insieme con quello dei tre francesi.

Le ricette (descrizione e foto) dei partecipanti sono state registrate nel sito dedicato dall'8 aprile al 23 maggio; la selezione delle prime dieci ricette è stata curata (entro il 3 giugno 2013) dal Comitato di Qualità M&R; le dieci ricette sono state quindi poste all'attenzione degli internauti che, attraverso la pagina Facebook di Bacardi Martini Grand Club, hanno scelto (dal 3 al 21 giugno) le prime tre per la finalissima di Pessione.

Due sono state le prove eseguite alla Terrazza Martini: il perfect serve di 10 Martini Royale Bianco (50% Martini Bianco, 50% Martini Prosecco, una fettina di lime leggermente premuta, foglia di menta per guarnire) e la realizzazione del proprio cocktail originale.

Dopo la vittoria dello scorso anno di Vanessa Vialardi (AmBar Soho 23, Torino), il primo posto della classifica italiana Martini Royale Contest 2013 è andato a Rachele Giglioni del Rivalta Café di Firenze (Lungarno Corsini 14R) che ha potuto stringere la relativa Coppa celebrativa. La proposta della ventisettenne barmaid Aibes marchigiana (ma fiorentina d'adozione) è stata preferita a quelle degli altri due finalisti italiani: “Elixir Royale” di Salvatore Monetta (Freni e Frizioni, Roma) e “Martini Mediterraneo” di Andrea Scubla (AmBar Insolito Moret del Best Western Hotel Là di Moret, Udine).
Campione francese è stato invece eletto Anthony Bertin, seguito da Ertan Belovodjanbin e dall' “emigrante” Giuseppe Sottile (lavora a Lille, regione Nord-Pas-de-Calais).

Ricetta Giglio
di Rachele Giglioni

Ingredienti

5 cl Martini Bianco

5 cl Martini Prosecco Sigillo Blu

1 cl China Martini

0,75 cl sciroppo di fiori di sambuco

4 cl succo di pompelmo.

Preparazione

Versare tutti gli ingredienti nel punch bowl pieno di ghiaccio e mescolarli facendo attenzione che si amalgamino alla perfezione. Decorare con foglie e fiori di sambuco.

Ricetta Martini Mediterraneo
di Andrea Scubla

Ingredienti

5 cl Martini Bianco

5 cl Prosecco Martini Sigillo Blu

1 cl sciroppo di cetriolo Monin

1 cl succo fresco di limone

3 pomodorini Pachino Igp

5 foglie di basilico.

Preparazione

Nel tumbler (o calice ampio) versare gli ingredienti su due pomodorini tagliati in quattro insieme con le foglie di basilico, mescolare e decorare con twist di limone e pomodorino su stecco.

Ricetta Elixir Royale
di Salvatore Monetta

Ingredienti per 10 persone

30 cl di sherbet realizzato con succo di sei pompelmi rosa e di tre limoni, mescolati con 300 g di zucchero bianco

50 cl Martini Bianco

10 cl Spiced Rum Bacardi Oakheart

5 passion fruit

50 cl Prosecco Martini Sigillo Blu

Preparazione

Nel punch bowl versare i vari ingredienti sui passion fruit tagliati a pezzi, mescolare e colmare con Prosecco Martini Sigillo Blu, decorare con foglie di menta e zest di pompelmo rosa.

La giuria era composta da operatori di fama internazionale come la barlady Audrey Saunders (mixologist e proprietaria del Pegu Club di New York), Robert Hess (fondatore del forum The Chanticleer Society e del Museum of the American Cocktail di New Orleans), Jared Brown e Anistatia Miller (direttori di Mixellaney Limited e autori di libri sulla mixability), insieme con la marketing manager Martini per Italia e Francia, Sara Miranti. Non poteva mancare all'evento Giuseppe Gallo, global brand manager Martini.
A consegnare il premio Martini Royale Barman 2013 a Rachele Giglioni è stato il country manager italiano di Martini & Rossi Giorgio Molinari che ha così motivato la scelta: “Preparazione equilibrata e straordinariamente facile di gusto. È un cocktail che fa piacere bere e che, una volta assaggiato, viene voglia di ordinare ancora”.

Martini Gran Lusso, vermouth per intenditori

A far da cornice all'evento, i finalisti hanno potuto partecipare a due giorni di visite e festeggiamenti (muovendosi anche a bordi di potenti Porsche Martini Racing), oltre che ad assistere alla presentazione in anteprima di Martini Gran Lusso, vermouth di 16° alc in edizione limitata (solo 150mila bottiglie per tutto il mondo), dal gusto particolarmente intenso e aromatico.

Nato dalla collaborazione tra il master blender Giuseppe Musso e il master herbalist di Martini Ivano Tonutti, il prodotto è frutto di un'attenta lavorazione artigianale, a cominciare dalla raccolta dei botanicals. Come base sono stati scelti il vino rosso Barbera del Piemonte e il bianco Trebbiano dell'Emilia Romagna.
Martini Gran Lusso unisce due estratti unici. Il primo è ricavato da Moscato di Canelli invecchiato un anno in botti di legno; il secondo estratto è ispirato alla storica ricetta Martini del 1904 (n.94) le cui erbe aromatiche venivano fatte riposare per 8 anni in damigiana.
Il risultato è un gusto e un aroma di grande complessità in cui la dolcezza del miele di Moscato invecchiato si unisce alla rotondità e ai cenni di lavanda e rosa dell'uva Barbera. Il tipico gusto dolce-amaro di Martini Gran Lusso viene naturalmente valorizzato mescolato con ghiaccio e una scorza di pompelmo e fornisce una interpretazione unica, da speciali intenditori, a grandi classici come Martini Martinez, Rob Roy, Negroni ed El Presidente. Nella foto, la vincitrice italiana Rachele Viglioni.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here