Su la saracinesca, riapre il Co.so

Aria di rinnovamento al Pigneto, dove una delle anime pulsanti del quartiere sta riprendendo forma, con nuovi attori e un focus che punta all’integrazione tra food e drink. Parliamo di Co.so, piccolo locale in via Braccio da Montone con cui Massimo D’Addezio ha iniziato la sua carriera da solista nel 2013, dopo gli anni al De Russie. Oggi D’Addezio è al bancone del Chorus, ma ha affidato la sua creatura del Pigneto nelle mani esperte di Giulia Castellucci, giovane e promettente barlady che lo ha affiancato nel programma tv del Gambero Rosso “Spirits: I Maestri del Cocktail”.

  • Espandi

    Cambia anche la proprietà, oggi divisa fra lo chef Riccardo Bucci, che negli ultimi anni ha affiancato con la sua cucina alcuni tra i bartender più importanti del palcoscenico romano, e Benedetto Guarino, di estrazione pubblicitaria. In drink list non potrà mancare il famoso Carbonara Sour, vero cavallo di battaglia di Co.so, con una selezione dei drink di D’Addezio, creati sia per il locale, che per il programma Spirits insieme a Giulia. E poi ci saranno le novità della Castellucci e nei primi mesi un temporary menù food di Bucci, calibrato in base alle possibilità offerte dagli spazi (57 mq), che per adesso rimangono invariati. Il concept prevede proprio che quest’ultimo e la giovane barlady dialoghino influenzandosi reciprocamente per dar vita a creazioni, twist e abbinamenti del tutto inediti. Co.so riaprirà, dunque, alla  fine di aprile (data presunta 22 aprile) con un nuovo design d’interni teso a valorizzare gli ambienti, grazie all’intervento di alcuni artisti del panorama capitolino. Sulle pareti si ammireranno le opere dello street artist KOI, mentre le divise dello staff (nella foto in anteprima) sono state affidate a b.yrslf.clothing, giovane ed emergente fashion brand romano. Nei prossimi mesi altre novità, con la futura annessione di spazi contigui al locale. È in via di definizione l’apertura di un dehors per sfruttare a pieno la stagione estiva. Mentre è già nei progetti l’allargamento della cucina, per dare più spazio allo chef Bucci per completare il suo piano di integrazione fra food e drink. Per questo ulteriore step, si parla di settembre di quest’anno.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome