I grossisti? Soddisfatti dei clienti. E pronti a investire

Grossisti Italgrob F.lli DiFebo

Consapevoli della necessità di attrezzarsi per fronteggiare le nuove sfide del mercato ma con un punto di partenza solido: una relazione soddisfacente con i propri clienti. Guarda al futuro la fotografia dei grossisti di bevande emersa dalla prima edizione del Rapporto sulla distribuzione horeca curato da Italgrob.

Il 79% dei 587 intervistati si è detto molto soddisfatto del rapporto con i suoi clienti. Scontenti solo il 5%, a riprova di un rapporto fiduciario che sembra funzionare bene.

  • Espandi

    I distributori di bevande chiedono formazione imprenditoriale e settoriale (possibilmente utilizzando fondi europei) e una federazione forte, e si dichiarano propensi (il 26% certamente, il 42% probabilmente) a supportare Italgrob nel progetto di avviare una raccolta dati presso i propri punti vendita a patto che vengano forniti strumenti tecnologici e formazione adeguati. L’obiettivo della federazione? Supportare gli associati nella definizione di strategie commerciali a supporto della loro crescita.

    Informatizzazione e professionalità le sfide più sentite

    Aumentare gli investimenti nei sistemi informativi e ampliare l’assortimento dei prodotti in catalogo sono le due attività che il maggior numero di grossisti intervistati (il 71%) ha programmato per sviluppare la propria attività. Oltre due terzi (il 69%) punta anche a inserire nuove professionalità in azienda.

    Un numero inferiore, ma comunque interessante, di grossisti, oltre che a rendere più performante la propria azienda punta ad allargarne gli attuali confini: chi valutando di ampliare il raggio d’azione territoriale (il 43%), chi mirando all’acquisizione di aziende concorrenti (il 29%) e chi ampliando le proprie attrezzature, i capannoni o i magazzini (25%).

    Interessante notare, infine, come a fronte di un’ampia disponibilità a riconoscere a Italgrob un possibile ruolo di collettore di dati di mercato, ad oggi la sensibilità dei singoli grossisti sull’utilità della raccolta dati risulti molto bassa: sono appena l’1% gli intervistati che hanno dichiarato di puntare su un’analisi costante dei dati.

    Nella foto: un magazzino del distributore F.lli Di Febo, associato Italgrob (courtesy F.lli Di Febo).

Grado di soddisfazione

16
Molto
79
Abbastanza
5
Poco

Come si sta attrezzando per fronteggiare le nuove sfide del mercato?

Investimenti in sistemi informativi

Ampliamento assortimento prodotti

Inserimento nuove professionalità

Ampliamento del raggio d'azione

Aquisizione aziende concorrenti

Ampliamento attrezzature e magazzini

Non sa - Non risponde

Analisi costante dei dati

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome