I grandi ospiti di Baritalia Hub: Denzel Heath

Denzel Heath

Denzel Heath è originario del Sud Africa e ha trascorso gli ultimi anni viaggiando per il continente africano per condividere il suo amore e la sua passione per il bartending con colleghi dagli stessi ideali. Il suo motto "Abbraccia la tua cultura" è stato il tema di molti seminari a livello globale e ha portato alla nascita di un vero movimento del cocktail in Sud Africa legato alla cultura e agli ingredienti locali. Di recente ha aperto il suo Mootee Bar a Johannesburg.  ll suo laboratorio, più che a un bar, fa pensare a uno studio chimico con tanto di evaporatore rotante per distillare, omogeneizzatore a ultrasuoni, centrifughe refrigerate e molti altri gadget tecnologici usati per produrre misture di nuova generazione: acquavite di latte, brandy e cola dal colore trasparente come l’acqua o la tradizionale birra di mais Umqombothi in versione brillante. ll menu dei cocktail, che ha richiesto otto mesi di sviluppo, si presenta graficamente come una sorta di “test delle macchie Rorschach”. Ogni cocktail ha una rappresentazione visiva del gusto ideata dall’artista Jared Hurwitz. Le illustrazioni sono pensate per innescare una reazione emotiva nel cliente che lo induca a effettuare l’ordine. A differenza dei menu di cocktail tradizionali non sono elencati gli ingredienti dei 12 drink in carta, ma le loro caratteristiche sensoriali. E, ad accompagnare ogni ricetta, c’è la sua storia. La sua “CockTale”, come spiega Heath. «Gli stessi recipienti che abbiamo scelto per i nostri drink, realizzati su nostro disegno in diversi parti dell’Africa, servono a evocare una particolare novella africana alla quale ci siamo ispirati per l’ideazione della ricetta. Si prenda il contenitore in ceramica che ospita il cocktail Mashonza (sì, avete visto bene, è decorato con un insetto).

La sua forma riprende quella del bruco Mopane, detto comunemente Mashonza, una specie molto utilizzata nella dieta delle zone rurali e considerato una prelibatezza nelle città africane. All’interno del menu narriamo la sua piccola grande-storia, il suo ciclo vitale, il passaggio da bruco a farfalla. Heath vanta un eccellente palmares. È stato tra gli 8 migliori concorrenti della Bacardi Legacy di Sydney 2015. Campione anche nella Bols Around The World 2013 e nel 2014 campione sudafricano.

Scopri di più su Baritalia Hub: https://www.bargiornale.it/baritalia-hub-2018/

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome