Davide Mitacchione vola a Mexico City per la finalissima Bacardi Legacy

Al Teatro Quirinetta di Roma si è svolta la finale Sud Europa della Bacardi Legacy Global Cocktail Competition con i team di Portogallo, Spagna, Francia e Italia. Davide Mitacchione è il finalista italiano.

L'esultanza del vincitore Davide Mitacchione insieme con Daniele Pons, trade ambassador Bacardi-Martini.

Un serrato confronto di alto livello tecnico ha contraddistinto la finale Sud Europa della Bacardi Legacy Global Cocktail Competition. I finalisti nazionali di Portogallo, Spagna, Francia e Italia si sono avvicendati sul palco del Teatro Quirinetta di Roma.

Composte ciascuna da tre finalisti nazionali, le squadre di Portogallo, Spagna, Francia e Italia si sono confrontate il 6 marzo scorso a Roma sul palco dello storico Teatro Quirinetta per la finale Sud Europa della Bacardi Legacy Global Cocktail Competition, dimostrando un alto livello tecnico e ottima capacità di presentazione dei rispettivi cocktail. Durante ciascuna esibizione sul palco (7′), i partecipanti hanno proposto dei video registrati in precedenza sul tema del cocktail presentato. Nei successivi sette minuti i concorrenti hanno presentato il rispettivo cocktail vantandone le caratteristiche.
Scopo dell’iniziativa organizzata ogni anno dal 2006 nei più vari Paesi del mondo dal gruppo multinazionale Bacardi-Martini è mettere a punto nuovi cocktail di facile preparazione che possano avere i numeri per diventare dei classici come accaduto con Mojito, Daiquiri o Cuba Libre.
Spedite per e-mail, le ricette di migliaia di partecipanti sono state esaminate da qualificate giurie nazionali che hanno composto le semifinali nazionali. Come ingrediente base i partecipanti hanno potuto scegliere tra prodotti premium come Bacardi Ron Carta Blanca, Bacardi Ron Carta Oro, Bacardi Ron Reserva 8 años.
Il team italiano era composto dalla barlady Carola Abrate (classe 1992, barmanager La Drogheria, Torino) e dai bartender Fabrizio Candino (classe 1988, Botteghe Colletti, Palermo) e Davide Mitacchione (classe 1986, titolare Luau Tiki Bar, Bari). Di seguito pubblichiamo le rispettive ricette.

Resilence
di Carola Abrate
Ingredienti
5 cl Bacardi Ron Carta Blanca
2,5 cl vino Cabernet Sauvignon
2 cl succo fresco lime
2,5 cl sciroppo home made arancia e rosmarino
Preparazione
Shakerare, versare in coppa, decorare con fetta arancia e rametto rosmarino.

Ithaca
di Fabrizio Candino
Ingredienti
6 cl Bacardi Ron Carta Blanca
3 cl liquore al bergamotto
1 cucchiaino marmellata mandarino
3 cl succo limone
Preparazione
Shakerare, versare in coppa, rifinire con spray liquore Aromi Siciliani ai fiori di arancio e scorze mandarino, accompagnare con biscottini al limone.

Adelante
di Davide Mitacchione
Ingredienti
6 cl Bacardi Ron Reserva 8 años
5 cl Martini Prosecco
2,5 cl succo fresco lime
1,5 cl sciroppo zucchero
2 gocce salsa Worchester
foglie di basilico
Preparazione
Shakerare, double strain, versare in coppa, decorare con foglie basilico.

Presentate dai maestri di cerimonia/bartender Maurizio La Spina e Giuseppe Baldi, le prestazioni dei concorrenti delle quatto nazioni del Sud Europa sono stati giudicate da una giuria tecnica/assaggio e da una giuria per la presentazione. Aroma e gusto sono stati gli aspetti valutati dalla prima giuria composta da Dickie Cullimore (global brand ambassador Bacardi Rums), Juan Valls (titolare Niño Perdido di Valladolid, Spagna e del Fibar) e dal bartender Gianni Zottola.
Su nome, ispirazione, originalità e presentazione dei cocktail hanno espresso le rispettive valutazioni Tine Van Nevel (direttore europeo Bacardi Rums); Manuela Kremlin (direttore marketing Fig cluster Bacardi Rums), Natalia Garcia Rodriguez (Southern Europe brand ambassador Bacardo Rums Portfolio).

Degustazione Bacardi Reserva 8 años
Tra la fine della gara e la proclamazione dei finalisti si è tenuto un seminario sul prodotto superpremium di casa Bacardi come la versione Reserva 8 años, tenuta dal maestro ronero Toten Comas, 74 anni, ingegnere chimico, quinta generazione di primero maestro cantinero Bacardi responsabile del controllo qualità e punto di riferimento di un centinaio di altri maestros cantineros che lavorano per l’azienda di Portorico. Toten Comas ha sottolineato come: «Il “segreto” della qualità, della morbidezza e rotondità dei Bacardi Ron risiede nel particolare metodo di distillazione messo a punto più di 150 anni fa dal fondatore Don Facundo Bacardi Massò, dalla qualità della melassa di zucchero, ma soprattutto dal nostro ceppo di selezionati lieviti originali utilizzati per la fermentazione della melassa».
Presentato sul mercato internazionale alcuni anni fa, Bacardi Reserva 8 años di recente ha cambiato bottiglia ed etichetta. «Rimasto per anni riservato al consumo privato della famiglia Bacardi – precisa Toten Comas – Reserva 8 años è una miscela di rum invecchiati tra gli 8 e 9 anni in botti di rovere bianco che hanno contenuto whiskey americano. I maestros roneros Bacardi rimuovono, attraverso un mix segreto di carboni, tutte le impurità e donano al rum un perfetto equilibrio e armonia. In otto anni d’invecchiamento nelle cantine di Portorico, la perdita di alcol raggiunge quota 50% e permette di ottenere un distillato particolarmente morbido e rotondo, di una particolare tonalità ambrata, di 40° alcolici, con note speziate, di nocciole tostate, caramello e vaniglia». Insieme con Toten Comas, la relativa degustazione è stata guidata da Manuel Greco (advocacy manager Bacardi-Martini) che ha proposto i cocktail Reserva Ocho Old Cuban e Reserva Ocho Old Fashioned.


Con la ricetta Reserva Ocho Old Cuban, la barlady Audrey Saunders (Pegu Club, New York) si aggiudicò la prima edizione della Bacardi Legacy per la sua particolare freschezza.

Reserva Ocho Old Cuban
di Audrey Saunders
Ingredienti
4,5 cl Bacardi Ron Reserva 8 años
2,25 cl sciroppo di zucchero
2 cl succo lime
2 gocce Angostura Bitters
6 cl spumante brut
Preparazione
Shakerare con ghiaccio, versare filtrando in coppa Champagne raffreddata, aggiungere spumante brut e guarnire con foglie di menta (15° alc).

Cocktail Rserva Ocho Old Cuban

Creato nei primi anni del Novecento a New York, Old Fashioned è una ricetta storica sopravvissuta alla mixology contemporanea. All’ingrediente base whisky, Reserva Ocho Old Fashioned propone come alternativa il rum invecchiato di casa Bacardi.

Reserva Ocho Old Fashioned
Ingredienti
5 cl Bacardi Reserva 8 años
1 zolletta zucchero
2 gocce Angostura Bitters
2 cl soda
Preparazione
In un tumbler basso porre 2 cucchiaini di zucchero, gocce di Angostura Bitters e 2 cl di soda e mescolare. Aggiungere cubetti di ghiaccio e 2,5 cl di rum invecchiato, mescolare, quindi aggiungere gli altri 2,5 cl di rum invecchiato, spriz di buccia di arancia. Aggiungere la scorza d’arancia utilizzata come guarnizione (18° alc).

Cocktail Reserva Ocho Old Cuban

In volo con il pipistrello Bacardi
Al termine della combattuta giornata di lavori, Manuel Greco (advocacy manager Italy),  Luca Marrone (brand manager Bacardi Rum) e Daniele Pons (trade ambassador Bacardi-Martini) hanno proclamato i primi classificati per ciascuna nazione: Rafael Silva (Portogallo), Emmanuel Otero (Spagna), Jimmy Cassar (Francia) e Davide Mitacchione (Italia) che voleranno per il 2 maggio prossimo a Mexico City per sfidare gli altri bartender finalisti provenienti da tutto il mondo, sotto l’ala portafortuna del pipistrello, marchio di casa Bacardi.
A fine della serata partecipanti e supporter hanno festeggiato i vincitori con la trasformazione del Teatro Quirinetta in una moderna discoteca animata dal dj set di Valentina Sartorio.

Una crescita lunga 150 anni
Fondata a Santiago de Cuba nel 1862 da Don Facundo Barcardi Massò, la distilleria Bacardi (o Bacardì in lingua spagnola) si caratterizzò subito per l’originalità dei prodotti, particolarmente morbidi e rotondi. Merito sicuramente del microclima ideale (umidità del mar dei Caraibi, ma anche vento delle montagne dell’isola di Cuba) per la vegetazione della canna da zucchero, ma anche per l’innovativo metodo di lavorazione messo a punto in circa dieci anni di prove ed esperimenti. Confiscata al pari di altre aziende private con l’avvento del regime di Fidel Castro, la distilleria venne rifondata nella vicina isola di Portorico, alla quale seguirono altri centri produttivi in Messico e in Bahamas. Oggi la quota di vendita delle diverse tipologie di ron ammonta a 100 milioni di casse, mentre l’azienda rimane saldamente di proprietà degli oltre 700 membri della famiglia Bacardi, rappresentando uno dei più grandi gruppi privati del settore degli alcolici. Nel 1992 l’azienda acquisisce la proprietà di un altro grande gruppo privato, l’italiana Martini & Rossi, nota in tutto il mondo per la qualità dei suoi aperitivi come vini spumanti e vermouth. Bacardi Ron risulta essere tra i distillati più premiati al mondo, avendo raccolto in oltre 150 anni oltre 674 riconoscimenti internazionali. Nel portafoglio prodotti Bacardi sono presenti altri distillati premium come Vodka Eristoff, Vodka Grey Goose, Scotch Whisky Dewar’s, Tequila Patròn, Bombay Sapphire London Dry Gin.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome