A Mattia Cilia la finale italiana della Jameson Bartenders’ Ball

Jameson

È andata a Mattia Cilia la vittoria nella finale italiana della Jameson Bartenders’ Ball, il contest internazionale firmato James Irish Whisky. Un trionfo che lancia il barmanager e bartender dello Scjampagne di Punta Secca (Ragusa) verso un nuovo traguardo: la finale, mondiale del contest e del Jameson Mixmaster Challenge, in programma, rispettivamente, a Dublino e a Cork a fine giugno.






Gare alle quali Cilia prenderà parte con il suo drink Catch Me!, un’inedita miscela di sapori irlandesi e siciliani a base di Jameson Original Irish Whiskey, Passion Yellow Tomato Water, una preparazione homemade fatta con pomodorino datterino giallo di Sicilia addolcito con zucchero, Hyblei Mountains Honey and Zagara water Mix, altro mix homemade fatto con olio essenziale di zagara aromatizzato agli agrumi (arance e limoni primaverili) e miele di ape nera sicula dei monti Iblei, succo di limone. Drink servito in un vasetto di vetro a richiamare la lotta tra le gang siciliane e irlandesi nella Chicago degli anni Trenta per il controllo del mercato illegale del whiskey, erano gli anni del Proibizionismo, che per sfuggire all’occhio della polizia veniva contrabbandato nei contenitori di vetro utilizzati per la vendita delle confetture.

JamesonTornando alla finale italiana, dieci i bartender che si sono contesi a vittoria nella gara svoltasi presso il Blume Lounge di Roma. Oltre a Cilia: Christian Buccioni del Vinile di Roma con il suo Spqr, Valentina Bianco de La Bouche di Courmayeur (Aosta) con Celtic Swing, Nicola Di Fusco del Bosco audio and wine di Napoli con Emozioni Pantenopee, Francesca Lorenzoni del Rasputin di Firenze con Bloom&#039, Antonio Masi dello Swing di Torino con Bon da Beive, Davide Bagnato del Locksmith Secret bar di Genova con Grandma&#039, Biagio Maurice Gennaro del Madeleine di Roma con Island in the stream, Leonardo Todisco del Rita&Coctails di Milano con Posh paddy e Vittorio Farci di The Spirit sempre di Milano con Agreeable interlude.

Gara che si è articolata in due fasi. Nella prima i concorrenti hanno presentato alla giuria, composta dai bartender Patrick Pistolesi e Oisin Davis, drink consultant di Great Irish Beverages, e dallo chef Marco Martini, il cocktail con il quale sono stati selezionati per la finale. Cocktail dove dovevano miscelare il whishey irlandese (almeno 35 ml di Jameson Original o Jameson Black Barrel) con ingredienti originari o ispirati al luogo di provenienza del partecipante.

Dopo questa fase, i primi tre classificati si sono sfidati nuovamente proponendo una personale rivisitazione di cocktail internazionali utilizzando gli ingredienti a disposizione sul bancone. Prova che Cilia si è aggiudicato proponendo un Jameson e Soda alla birra Ipa, davanti a Leonardo Todisco e Antonio Masi.

Catch Me! di Mattia Cilia

Jameson

Ingredienti:

50 ml Jameson Original Irish Whiskey, 100 ml Passion Yellow Tomato Water home made, 25 ml Hyblei Mountains Honey and Zagara water Mix homemade, 15 ml lemon juice

Preparazione:

Mettere ingredienti nello shaker con ghiaccio e shakerare vigorosamente

Bicchiere:

vasetto di vetro

Guarnizione:

erba cipollina e germogli di origano fresco

Side:

insalata di pomodoro datterino zebrato, con glassa di aceto balsamico al Jameson Original Irish Whiskey

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome