Spirit e mix come natura crea

Biologico –

Cavalcare l’onda del biologico? Due formule straniere insegnano come fare, abbinando somministrazione di cibi e bevande e vendita al dettaglio anche via Internet

La novità è che il mondo della produzione biologica si sta estendendo in molti settori e la nicchia di consumatori sensibili è sempre più ampia. Offrire prodotti bio nel proprio locale aiuta a catturare l'attenzione di una particolare fascia di clientela (generalmente ad alto-medio reddito) e aumenta le opportunità di generare nuovo business. La tendenza bio si è estesa infatti anche al fuori casa, con la nascita nelle principali metropoli di bar, gelaterie, pasticcerie, fast food e yogurterie a tema. Particolarmente brillante è la performance del biologico sul mercato britannico dove, nel 2006, le vendite di prodotti naturali e biologici hanno superato la soglia di 2 miliardi di sterline (circa 3 miliardi di euro). Oggi il Regno Unito, crisi permettendo, rappresenta uno dei mercati del biologico con il più rapido tasso di crescita in Europa.
Buoni modelli da Londra e New York

Non è un caso, dunque, che il primo modello che abbiamo scelto ¿parli¿ inglese. È il Daylesford Organic a Londra: si tratta di un bar con rivendita di prodotti biologici che fa parte di una catena che ha in Gran Bretagna nove punti vendita tra ristoranti, bar, caffè e negozi. L'ambiente ha colori tenui che spaziano dal bianco al crema e fanno subito percepire l'attenzione alla qualità. L'offerta food spazia da formaggi a insalate, da salumi a terrine. E tutto è rigorosamente biologico e certificato. Come pure tutte le bevande. Una formula che combina con intelligenza somministrazione e vendita al dettaglio, modello molto comune nei Paesi anglosassoni. Interessante anche il sito web, che permette al consumatore di viaggiare nella realtà Daylesfood Organic standosene comodamente seduto e fare shopping on line.

Oltreoceano, e precisamente a New York, spicca invece la formula Gustorganics, con cibi e bevande bio al 100%. Si tratta del primo esercizio a essere certificato dalla rigorosa Usda (Dipartimento dell'Agricoltura degli Usa). L'offerta spazia dal breakfast con yogurt, omelette, brioche, torte e biscotti, alla pausa pranzo e alla cena dove vengono proposte insalate, pizze, sandwich, pollo grigliato, polpettine, riso e pasta. Particolarmente interessanti risultano i mix analcolici tipo il ¿Puravida¿, preparato con banana, sciroppo di agave, succo di arance e fragole. Il menu informa che questo drink è ricco di vitamine A, B6, C, oltre a manganese, potassio e fibre. Anche nella preparazione di cocktail classici quali la Margarita vengono usati esclusivamente spirit bio. Così come il rum impiegato per la preparazione del Basil Daiquiri, una variante del Daiquiri a base di rum chiaro, basilico fresco, succo di lime e di arancia. Molta attenzione è infine data ai bambini che hanno un menu dedicato.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here