Pienone di baristi a Bari per Baritalia Hub

Tanti, tantissimi, i bartender, baristi e addetti ai lavori che il 25 e 26 settembre hanno letteralmente preso d’assalto il nuovo padiglione della Fiera del Levante di Bari per l’edizione 2017 di Baritalia Hub. Una folla straripante che ha partecipato con grande interesse e curiosità alle numerose attività della due giorni di Bargiornale dedicata alla bar industry.

E davvero ce n’era per tutti i gusti, grazie al ricchissimo programma di appuntamenti, tra seminari e workshop, che hanno toccato tutti gli aspetti del mondo bar, dall’alta miscelazione all’universo caffè al mondo food, realtà quest’ultima che assume una rilevanza sempre maggiore nelle attività dei locali. Aspetti approfonditi da un parterre di ospiti di altissimo profilo, tra il meglio del panorama nazionale e internazionale, che si sono avvicendati sul palco, o meglio sui palchi di Baritalia per le loro masterclass. E ancora, degustazioni di bevande, alcoliche e non, cocktail, food e dimostrazioni nei salottini delle moltissime aziende del settore presenti nei 2000 mq di spazio espositivo, con tanti grandi nomi del mondo bar impegnati a presentare ai partecipanti le ultime novità in termini di prodotti, attrezzature e servizi per arricchire l’offerta e migliorare l’attività dei locali. Senza dimenticare, poi, la tappa finale del laboratorio di miscelazione itinerante Baritalia Lab, che ha visto i 40 super-selezionati bartender ingaggiati dalle dieci squadre proporre la loro ricetta per l’aperitivo, e i tre contest, Cofee Relay, Baritalia Junior e la finalissima di Lady Amarena, che hanno tenuto il pubblico con il fiato sospeso.

Il tutto condito da una buona dosa di ironia e divertimento, con il teatro di strada del Sior Mirkaccio della Conventicola degli Ultramoderni di Roma, accompagnato da Madame de Freitas che si sono aggirati tra il pubblico sempre pronti a incitare bartender e baristi e a regalare momenti di grande allegria.

Ad aprire i lavori la masterclass di Nico De Soto, patron del Mace di New York, locale tra i World’s 50 Best Bars, e di Danico di Parigi, che ha parlato delle moderne tecniche di miscelazione. Dopo di lui sono scesi in campo altri big internazionali della miscelazione del calibro di Jad Ballout, del Central Station di Beirut, anch’esso tra i World’s 50 Best Bars, e direttamente da New York, Fabio Raffaelli, barteder e consulente per il mondo bar, e Tad Carducci, protagonista del seminario conclusivo dedicato alla miscelazione di mezcal e tequila. Non prima però delle masterclass dei pluripremiati bartender italiani impostisi sulla scena internazionale come Salvatore The Maestro Calabrese, Luca Cinalli, bar manager dell’Oriole di Londra e Agostino Perrone, del The Connaught di Londra, e di indiscussi punti di riferimento della miscelazione nazionale quali Daniele Dalla Pola, Oscar Quagliarini, Cinzia Ferro, Alex Frezza, Diego Ferrari, Samuele Ambrosi.

Non meno ricco il programma di appuntamenti dedicato all’universo caffè, dove a illustrare e fornire indicazioni sull’arte della caffetteria ai più alti livelli e in tutte le sue declinazioni è scesa in campo una squadra di veri campioni. Ospiti di eccezione il campione del mondo in Coffee in Good Spirits 2017 Martin Hudak, slovacco trapiantato a Londra dove lavora all'Americana Bar del Savoy, e il vicecampione mondiale di Latte Art Michalis Karagiannis. Non sono mancati, ovviamente, i grandi maestri italiani, dal pluripremiato campione italiano Francesco Sanapo, che ha guidato i 40 finalisti di Coffee Relay, l’inedita sfida che ha visto scendere in campo 10 squadre, ognuna composta da 4 specialisti impegnati nelle prove espresso, mixology con il caffè, latte art e brewing, ai giudici della gara, Andrea Antonelli, Davide Cobelli, Carmine Iannone e Matteo Don Giovanni, a Davide Spinelli e Matteo Beluffi, campione nazionale di latte Art.

Grande spazio poi al tema del food al bar, argomento di grande attualità e destinato a occupare uno spazio sempre più rilevante nell’attività bar. A fornire consigli e indicazioni su come formulare un’offerta in grado di competere con quella dei ristoranti per cavalcare un nuovo trend che vede sempre più i consumatori privilegiare il bar per il consumo di alimenti e far fronte a una domanda sempre più esigente, gli showcooking di Anna Prandoni, direttrice dell'Accademia del panino, di Giorgio Borrelli del Caffè Valentina di Cagliari, vincitore del contest Artista del panino 2016, e di tanti altri chef ed esperti.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here