Per organizzare intrattenimenti musicali all’interno dei locali occorre apposita licenza

Corte di Cassazione sentenza 3 gennaio 2007, n. 21012

La legge prevede che per poter organizzare intrattenimenti musicali e/o danzanti all'interno del locale sia necessaria una apposita licenza. Diversamente l'attività risulterebbe essere abusiva, e si correrebbe il rischio di incorrere in pesanti sanzioni.

La normativa di riferimento è rappresentata dall'art. 68 del TULPS (R.D. n. 773/1931) - e successive modificazioni - e dall'art. 19, comma 1, D.P.R. n. 616/1977.

Sul punto è recentemente intervenuta anche la Corte di Cassazione, la quale con la recente sentenza 3 gennaio 2007, n. 21012, ha ribadito il divieto di ballare nei locali che non hanno la licenza di intrattenimento danzante.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here