Le vicende di un lime col tappo

Mixability –

I Rose’s Cordial Mixer raccontati da chi li studia, analizza e manipola 365 giorni all’anno. Bargiornale a tu per tu con Steinar Jensen

Lo spremiagrumi manuale è la sua passione. Nulla di strano, nei posti che contano le preparazioni à la minute sono all'ordine del giorno. La cosa diventa singolare quando a dirlo è Steinar Jensen, brand ambassador dei Rose's Cordial Mixer. «Amo miscelare i preparati freschi con quelli in bottiglia. Non c'è concorrenza, l'uno è complementare all'altro. Per esempio, pochi si concentrano sull'olfatto. Eppure il naso è un'arma di seduzione straordinaria. Come regola si dovrebbe creare un'aurea di 30 centimetri di aroma, tra il bicchiere e il cliente. Per creare quel profumo, servono delle scorze di limone in polpa e ossa».
Il vero nodo, secondo Jensen, è un altro: il prodotto in bottiglia offre standard qualitativi elevati. Non si sbaglia, quello è il gusto. E poi è facile da gestire, destagionalizzato e disponibile ovunque: «Da Copenaghen a Oslo, dall'Italia alla Spagna, riusciamo a garantire alla discoteca o al boutique bar un prodotto a regola d'arte, preparato con un lime che ha un nome e un cognome. Non con un agrume qualsiasi. La preparazione home made è la nuova tendenza ed è sacrosanta. Ma pochi conoscono le regole e rischiano, con un prodotto fatto in casa, di buttare alle ortiche il loro Daiquiri. Sapete quanta ricerca serve per creare un prodotto adatto alla miscelazione?». La risposta è nel bottigliere di Jensen dove c'è l'intera gamma dei Rose's Cordial Mixer (onestigroup.com). In primo piano il nobile antenato Rose's Lime Cordial di Mr. Lauchlin Rose, primo a brevettare un metodo per conservare il succo di lime senza l'uso di alcol. Era il 1867, anno di pubblicazione del Merchant Shipping Act che imponeva a ogni nave mercantile di stoccare per l'equipaggio una certa quantità di lime (o di agrumi in genere) per combattere lo scorbuto.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here