Il vino italiano si fa strada in Russia

Export –

Rispetto al 2006 la crescita è stata del 43%, per un totale di 57,5 milioni di euro

Cresce in maniera esponenziale il flusso di prodotti vitivinicoli e agroalimentari dall'Italia alla Russia: lo segnala il sito Vinitaly.com, secondo cui nel 2007 l'export italiano di vino nel gigante ex sovietico ha superato il valore di 57,5 milioni di euro, il 43% in più rispetto al 2006 , per un totale di 237 mila ettolitri (erano solo 96 mila ettolitri nel 2005), in incremento del 18,8%.

Un mercato ancora di nicchia
Molto successo riscuotono in particolare gli spumanti, che da soli hanno totalizzato 23,6 milioni di euro (+69%), per 70 mila ettolitri (+76%). Grazie a queste cifre l'Italia detiene un terzo del mercato russo delle bollicine, davanti alla Francia, e anche i primi dati relativi al 2008 confermano il trend positivo. 
Buona anche la performance dell'agroalimentare, con un export in aumento del 17,6%. Tra i prodotti, risultano apprezzati soprattutto l'olio di oliva, la pasta, il Parmigiano-Reggiano e il Grana Padano. In generale, però, la produzione enogastronomica italiana sul mercato russo soddisfa ancora un consumo di lusso. Il nostro Paese, infatti, è il quinto importatore di vino con una quota di mercato del 6% e al quindicesimo posto per l'agroalimentare, con il 2%.

Vinitaly in Russia e negli Usa
Proprio con l'obiettivo di consolidare la presenza del vino italiano e dell'enogastronomia di qualità su questo mercato, la manifestazione Vinitaly si sposterà anche quest'anno in Russia. Il primo appuntamento è per il 9 e 10 giugno presso il centro fieristico New Manege a Mosca, mentre l'11 giugno work shop e degustazioni si svolgeranno nel complesso commerciale Perinnye Ryady a San Pietroburgo. Vinitaly è sbarcato per la prima volta in Russia nel 2004 con una trentina di produttori italiani, diventati oltre 100 nel 2007 con la partecipazione di più di 2.000 operatori specializzati tra importatori, distributori, retailer, ristoratori, rappresentanti della stampa e opinion leader. La formula è quella dell'abbinamento degustazioni e workshop B2B, che uniscono cultura dei prodotti e affari. Successivamente Vinitaly si sposterà negli Stati Uniti, in particolare nelle città di Chicago, New York e nella capitale Washington, dal 27 al 30 ottobre. Il calendario all'estero del 2008 si completerà con il Giappone (Tokyo) e la Cina (Pechino, Shanghai e Macao) a novembre.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here