Il primo codice del commercio è della Regione Toscana

Importanti le novità introdotte in tema di pubblici esercizi e somministrazione di alimenti

La Toscana è la prima regione in Italia ad adottare il Codice del Commercio, che riguarda commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazioni di alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana e periodica e distribuzione di carburanti

In applicazione delle norme della Costituzione in tema di competenze legislative regionali,

il Consiglio della Regione Toscana ha approvato il Codice a maggioranza.

Il nuovo testo unico semplifica le normative di disciplina di vari settori e interviene nel settore dei pubblici esercizi.

Numerose le novità, tra le quali:



- procedure più rapide per le imprese che vogliono avviare un'attività, con la diffusa previsione della procedura della denuncia di inizio attività;

- abolizione dell'attuale distinzione fra comuni turistici e non turistici in tema di orari e aperture festive, con la precisazione che la definizione degli orari è demandata alla trattativa locale fra Comuni e parti sociali;

- introduzione del concetto di "aree sature" per favorire uno sviluppo equilibrato che riesca a far convivere piccoli e grandi negozi;

- introduzione di una programmazione da parte dei Comuni in tema di pubblici esercizi, con necessaria predisposizione di veri e propri piani, la cui attuazione avverrà attraverso l'emissione di bandi comunali a cui concorreranno gli interessati al trasferimento delle attività esistenti o all'apertura di nuove;

- unificazione, per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, delle tipologie di esercizi (non più bar e ristoranti, ma tipologia unica), oltre alla già sancita abolizione del Rec, il registro degli esercenti in commercio;

- introduzione di un nuovo sistema di vendita di giornali e riviste, con la previsione di punti vendita esclusivi (le edicole) e non esclusivi: in pratica anche bar, ristoranti, librerie potranno essere autorizzati a vendere quotidiani e periodici.


CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here