il pane surgelato in veste elegante

Pausa pranzo –

Elevata qualità di prodotto, alto tasso di innovazione e immagine moderna: sono gli ingredienti con cui Panitaly, marchio di Délifrance Italia, punta a diventare leader nel mercato dell’horeca nel giro di tre anni

Apoco più di un anno dall'acquisizione di Sefa, storica azienda italiana produttrice di pane surgelato (a marchio Panitaly), Délifrance Italia si presenta sul mercato con un'offerta completamente rivisitata nel segno dell'innovazione e della modernità. Con un obiettivo ambizioso: diventare leader di mercato nel giro di tre anni. «Attualmente in Italia - afferma Franck Bocquet, amministratore delegato di Délifrance Italia e di Sefa - il pane surgelato copre appena il 3,5% del mercato contro il 30% della croissanterie. Considerando che si tratta di un comparto tre volte più grande, stimiamo che nei prossimi anni possa crescere del 7% l'anno». Per cavalcare la crescita, Panitaly si presenta sul mercato con una competenza antica e un'immagine moderna.
«Abbiamo fatto scelte produttive controcorrente - spiega Bocquet -: mentre l'industria cerca di accorciare al massimo i processi produttivi, noi li abbiamo allungati. Puntiamo sulla qualità del nostro impasto, la biga, che viene lasciato lievitare in modo naturale per 16-18 ore. Questo significa che ci mettiamo 24 ore a fare il pane, ma con risultati di alto livello qualitativo. La qualità, poi, si declina in un'ampiezza di gamma che non ha uguali sul mercato».
L'offerta Panitaly si articola su una pluralità di linee: Ciabatta, in varie versioni, Grilly, pretagliato, Tartaruga, per panini classici, Morby, al latte. Per finire con Aurea, rustici dalle forme originali, e Benessere, più ricchi di fibre.
Ma lo sforzo di Panitaly è stato anche quello di dare al proprio prodotto un'immagine accattivante, capace di valorizzare al meglio un'offerta, quella dei panini al bar, non sempre ben presentata. Una scelta figlia di una filosofia: quella di accreditarsi presso il mercato come un'azienda capace di dare servizi oltre che prodotti. Da qui l'idea di creare un progetto di corner “brandizzato” Panitaly e di offrire ai locali interessati una consulenza su come sviluppare il proprio business con i panini. Una consulenza che parte dall'analisi del punto vendita e della sua clientela per arrivare alla definizione dell'offerta più consona al locale.

Ricette ed esposizione

Tre le tipologie di menù panini messe a punto da Panitaly nel suo ricettario: Gusto puro, con un solo ingrediente ma di qualità; Freschezza italiana, per ricette improntate alla leggerezza; Gusto premium, per panini raffinati e ricercati. Ma il (buon) gusto non basta a vendere panini: contano l'arte della preparazione, la scenografia dell'esposizione (la farcitura va sempre messa in bella vista), la velocità del servizio (il tempo dedicato alla pausa pranzo si è ridotto del 50% in dieci anni). Un ottimo panino è (anche) tutto questo.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here