Il dj set costa ma funziona

Locali –

I clienti apprezzano una proposta musicale professionale

Sembra proprio che in futuro ogni esercizio pubblico farà marketing sensoriale utilizzando questo o quell'aroma. Oggi però il modo più semplice per regalare emozioni ai clienti di un bar è proporre un dj set. Musica e professionisti della console costano, ma creano quell'atmosfera che serve a prolungare la permanenza dei clienti. Il punto d'arrivo potrebbe essere proporre dj e sonorità diverse ogni sera, ma iniziare con un appuntamento settimanale per un almeno un mese dà modo di comunicare ai clienti l'iniziativa e poi capire se piace e funziona. La selezione giusta per accompagnare un aperitivo o un dopocena non è certo il tum tum delle discoteche. «Il sound dell'estate 2008 sarà a metà tra house e trance, ossia musica che contrappone melodie dolci a ritmi non ossessivi», spiega Alex Elle Pornocult, da giugno al mixer del Phi Beach del Forte Cappellini a Baia Sardinia (Ot). Per caratterizzare il tappeto sonoro di un bar ci vogliono dj pieni di fantasia e cultura musicale, non certo maniaci del mix, il passaggio da un disco all'altro. Gente come Davide Nicolò, pr e giornalista che spesso al Nomi di Rimini e al Lotus di Milano si diletta passando da Mina a Bjork. Trovare simili professionisti non è facile. C'è chi, come lo Strizzi Garden di Firenze, si affida solo a giovani. Invece agenzie come Metempsicosi, Jayvip o Dna Dance Dept gestiscono star da migliaia di euro a notte, ma possono anche consigliare dj emergenti con cachet contenuti.

Fra tecnologia e certificati
All'impianto audio e alla console deve provvedere il locale, i dj in genere portano solo dischi e cuffie. Le apparecchiature si possono noleggiare (200-300 euro a sera), ma la soluzione migliore è l'acquisto, soprattutto se si rinuncia ai giradischi. L'attrezzatura può essere costituita da un lettore cd Pioneer Cdj 100, un mixer come il Behringer Djx-700 e una coppia di casse amplificate come le Omnitronic Kb 210. La potenza dell'impianto non deve essere elevata, così da evitare problemi di rumore. È necessario che il dj sia in possesso di un certificato detto di agibilità rilasciato dall'Enpals (Ente nazionale di previdenza e assistenza per i lavoratori dello spettacolo e dello sport).
Inoltre il gestore di locale deve recarsi all'ufficio di zona della Siae, che gestisce i diritti di editori e autori musicali. Per una serata musicale in un bar si paga il 2% circa dell'incasso lordo (con un minimo di 35 euro). Nel caso di un dj set è previsto un ulteriore 1% circa per quanto dovuto a Scf, che tutela interpreti e produttori discografici. La Fipe non ha ancora raggiunto un accordo con questa associazione, ma diversi esercizi l'hanno fatto singolarmente.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here