Il colore del locale non va mai scelto a caso

Nella scelta dei colori di un locale occorre considerare diversi elementi:  il tipo di clienti, la frequentazione diurna o serale, l’offerta e le sensazioni che si vogliono trasmettere.

Le tinte più chiare e fredde, come il verde, per esempio, si associano a rilassatezza e benessere, quelle più calde, come il giallo, fanno aumentare l’appetito, i colori fluo ben si adattano alla clientela giovane di pub e discoteche. Le gamme più scure del blu, oltre a grigio e marrone, fanno presa, invece, su un pubblico più adulto in locali serali, mentre il beige e il melanzana sono usati per contesti più chic.

«Gli aspetti da prendere in considerazione sono il tipo di locale, l’edificio e il contesto in cui è costruito, l’immagine che si vuole dare e il pubblico di destinazione - spiega Claudia Montevecchi di Bmmc Architecture, studio di progettazione architettonica e di interior design -. I colori vanno comunque scelti sempre insieme all’illuminazione. Per i locali diurni, sono adatti quelli chiari e freddi:  si usano molto per esempio i verdi chiari, che si collegano alla natura e a immagini rilassanti, fresche e biologiche».

Per locali serali, invece, si può optare per i colori scuri. «A meno che - spiega Montevecchi - non si voglia giocare sulla cromaticità della luce: in quel caso ci vuole uno sfondo bianco o grigio chiaro. In genere però è stato sfatato il luogo comune che i colori scuri rimpiccioliscano e opprimano, e ora se ne fa un uso molto più libero. Si utilizzano molto per esempio i blu e i carta da zucchero, i grigi scuri, le gamme di marroni e verde salvia, che creano atmosfere molto raccolte ed eleganti. Un trend diffuso oggi è l’utilizzo di colori spenti abbinati ad arredi vintage in stile anni ’40 e ’50, con dettagli in ottone o color oro con una patina antica. La decisione dipende anche dal luogo in cui si trova il locale: per esempio a Milano il giallo e il grigio vanno molto».

Uno dei criteri guida nella scelta cromatica è legata al tipo di pubblico cui ci si vuole rivolgere: «Le tinte fluo e acide, per esempio - continua Montevecchi -  si adattano soprattutto ai giovani. Vanno bene per bar dove si punta sull’aperitivo o discoteche, visto che rendono l’atmosfera allegra. Quelli scuri e freddi vanno bene per i locali frequentati soprattutto da coppie, mentre i beige, grigi, melanzana e petrolio sono più adeguati a luoghi chic o dove si svolgono incontri di lavoro. In ogni caso occorre creare sintonia: colori, luci, arredi, forme e geometrie sono tutti elementi strettamente collegati».

L’effetto psicologico

Può essere utile tenere in considerazione anche l’effetto che hanno i colori da un punto di vista psicologico ed emotivo. I colori caldi, come rosso, giallo e arancione, evocano sensazioni di felicità, ottimismo ed energia. Il rosso è associato a emozioni forti, come passione, amore e rabbia, e in generale ha un effetto eccitante perché fa aumentare il battito cardiaco. L’arancione, come il rosso, cattura l’attenzione ma è meno dominante e aggressivo, ed è molto usato per evidenziare prodotti in vendita e per spingere il cliente all’acquisto. Il giallo è il colore più energetico, associato al sole: dal momento che riflette molto la luce, può irritare gli occhi e va usato con moderazione, ma d’altro canto stimola il sistema digestivo e mette appetito, quindi è indicato per ristoranti, bar e mense (non per nulla è usato per esempio da McDonald’s).

Quelli freddi, invece, suscitano calma. Il verde è legato al benessere, comunica un senso di pace e di stabilità, trasmette tranquillità e protezione, contribuendo a rallentare il battito cardiaco. Il blu in generale è associato alla sicurezza e alla fiducia, quando è scuro rende l’ambiente più professionale mentre se è chiaro più rilassante. Il viola invece trasmette regalità e ricchezza, perciò è l’ideale se si vuole dare un tocco di raffinatezza al locale.

 

I colori...

Giallo
È il colore più energetico. Stimola il sistema digestivo e mette appetito. Attenzione però alle tonalità: se troppo chiaro abbaglia, le varianti scure evocano malattia.  

Arancione
Suscita ottimismo, estroversione ed energia. Cattura l’attenzione: è spesso utilizzato per sottolineare delle offerte speciali. Può stimolare l’appetito.

Rosso
È il colore della passione ed è associato alle emozioni forti: attira immediatamente l’attenzione e ha un effetto eccitante, ma evoca anche aggressività e violenza.

Verde
Il colore della natura, trasmette una sensazione di armonia, stabilità e benessere. Riposante e gradevole, infonde un senso di pace e di tranquillità. 

Blu
Considerato il colore universalmente più gradito (specie dagli uomini), evoca sicurezza, fiducia  e professionalità. Nei toni chari è rilassante.

Viola
Evoca lusso, ricchezza, nobiltà: per questo è adatto per dare un tocco di raffinatezza al locale. Meglio però evitare le varianti più scure, evocative di eventi luttuosi. 

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here